Home Salute Fascite plantare, sintomi e cause

Fascite plantare, sintomi e cause

Fascite plantare

Nella fascite plantare il dolore, di solito, si fa sentire nella parte inferiore del tallone, ed è spesso più intensa con i primi passi, quando ci si alza dal letto la mattina. La fascite plantare si presenta come un forte dolore lancinante nella parte inferiore o anteriore del calcagno. In molti casi, il dolore al tallone è conseguente a periodi di inattività (riposare o dormire) e poi scompare, trasformandosi in un dolore sordo.

Quali sono le cause della fascite plantare?

Fascite plantare cause

La causa più comune della fascite plantare è l’anomala pronazione del piede. I fattori più comuni sono l’età, l’aumento di peso, lavori che richiedono un lungo periodo in cui si rimane in piedi su superfici dure, scarpe mal portate o con scarso sostegno, e anche l’inattività.

Come risultato della sovra-pronazione ad ogni passo, la fascia plantare (banda di tessuto sotto il piede) viene allungata, con conseguente infiammazione, irritazione e dolore nel punto di fissaggio della fascia nel calcagno. In alcuni casi il dolore è sentito sotto il piede, nella zona dell’arco.

Lo stiramento continuo della fascia al calcagno alla lunga può portare allo sviluppo di crescita ossea sul tallone. Questa si chiama sperone calcaneare.

Il meccanismo con cui si innesca la fascite plantare è questo. Durante il riposo (per esempio, quando ci si è addormentati), la fascia plantare si accorcia. Quando il peso corporeo viene rapidamente applicato al piede, la fascia deve tendere e rapidamente allungarsi, provocando una micro-lacerazione del tessuto. Quindi, il dolore è più severo con ai primi passi del mattino o dopo essere stati seduti per un lungo periodo.

Trattamento

come curare la fascite plantare

I metodi di trattamento più comuni raccomandati dai medici includono:

  1. Ghiaccio (applicato sulla zona del tallone per circa 5 minuti)
  2. Riposo o attività ridotta (cioè astenersi dallo sport, correre, camminare per lunghe distanze,stare in piedi per lunghi periodi, ecc)
  3. Iniezioni di cortisone-steroideo nel calcagno (di solito eseguite dal medico di famiglia)
  4. Prortesi plantari, per correggere la biomeccanica del piede
  5. Programma di esercizi quotidiani

Il trattamento della fascite plantare con protesi

La soluzione più efficace per curare la fascite plantare è quella di trattare la causa del problema, cioè la correzione meccanica del piede con delle protesi plantari.

Le protesi plantari controllano la sovra-pronazione e sostengono gli archi. Contribuiscono ad allentare la tensione sulla fascia plantare, trattando in tal modo la causa del problema e consentendo al tessuto infiammato di guarire molto più in fretta. Le protesi, inoltre, dispongono anche di un cuscinetto da ammortizzamento per il tallone che aiutano a ridurre l’impatto doloroso e che forniscono sollievo e comfort.

Le protesi per la fascite plantare sono disponibili presso le farmacie, fisioterapisti e podologi.

Il trattamento della fascite plantare con esercizi quotidiani

Un certo numero di studi ha dimostrato che il più efficace trattamento a lungo termine della fascite plantare è una combinazione di esercizi quotidiani e l’indossare delle solette plantari. Gli esercizi contribuiscono a rendere i muscoli e i tendini dei piedi e delle gambe più lunghi e più flessibili. A sua volta ciò potrebbe ridurre la tensione sulla fascia plantare. 

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui