Esercizi propriocettivi: cosa sono e a cosa servono

Gli esercizi propriocettivi sono parte integrante del concetto di propriocezione ovvero il senso di posizione e di movimento degli arti del corpo che si possiede a prescindere dal senso della vista. In pratica, gli esercizi propriocettivi aiutano a migliorare la consapevolezza della posizione del corpo nello spazio e migliora la capacità di reagire a eventuali stimoli esterni.

Ginnastica propriocettiva- foto chinesport.it

La propriocettività dipende dai propriocettori, le strutture specializzate che collegano il sistema nervoso centrale a muscoli, articolazioni e cute. Il potenziamento di questa capacità aiuta a tradurre l’informazione sensoriale in movimenti necessari per compiere azioni atte a mantenere l’equilibrio e non cadere.

Gli esercizi propriocettivi vengono utilizzati per la rieducazione in caso di traumi articolari e muscolari e per gli atleti. Sostanzialmente questo tipo di esercizi aumentano la capacità del corpo di percepire la propria staticità e il proprio movimento e lo aiutano a restare in equilibrio.

Esercizi propriocettivi

La ginnastica propriocettiva può essere praticata con attrezzi specifici come tavolette Freeman/Wyke, pedana mobile, step a mezza sfera, palla da ginnastica e così via. Scopriamone insieme qualcuna.

Tavolette Freeman/Wyke e pedana mobile

Si tratta delle classiche tavolette rettangolari o rotonde con sostegni cilindri o semicircolari ideate da Freeman e Wyke usate per ricostruire la sensibilità profonda con l’aiuto di strutture recettoriali che non hanno subito traumi o alterazioni.

Un tipico esercizio in scarico con le tavole propriocettive, ideale per il recupero da un infortunio:

  1. Doppio appoggio, cercando di mantenere la posizione eretta con entrambi i piedi in appoggio sulla tavoletta propriocettiva
  2. Singolo appoggio, salendo al centro della tavoletta con un solo piede e mantenendo l’altro sollevato
  3. Palleggiare, giocando a palla stando in piedi sulla pedana propriocettiva e aumentando di volta in volta il grado di difficoltà dell’esercizio

Step a mezza sfera

Gli step molleggiati allenano la sensibilità propriocettiva mediante l’affinamento di coordinazione ed equilibrio. L’obiettivo è quello di far imparare ai muscoli a lavorare correttamente in assenza di sollecitazioni sbagliate. Un esempio? Il Fit-Dome Pro, una mezza sfera di gomma che permette l’esecuzione di esercizi di coordinazione, piegamenti e saltelli e il lavoro simultaneo di muscoli e sistema neuromuscolare.

Palla da ginnastica

Si tratta del classico pallone di gomma che viene utilizzato per eseguire molti esercizi, soprattutto in sessioni di fisioterapia.

Un tipico esercizio con la palla da ginnastica si compone come segue:

  1. Poggiare un piede sopra la palla tenendo la gamba piegata e distenderla facendo scorrere la palla sotto il piede
  2. Passare la palla sul lato destro e ripetere l’esercizio precedente
  3. Salire con entrambe le ginocchia sulla palla e lasciare scivolare il corpo in avanti fino a toccare terra per allungare i muscoli dorsali

Come ottenere risultati

Gli esercizi propriocettivi possono incidere sulla corretta rieducazione propriocettiva e potenziare la percezione sensoriale. Ma i risultati si ottengono in presenza di circostanze precise:

  • soggetto collaborativo
  • costanza (2 sedute al giorno per 20 minuti ciascuna)
  • tono muscolare
  • mobilità articolare
  • durata delle sedute (3 settimane dopo la guarigione)
  • mantenimento (30 minuti per 2 volte alla settimana)
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 3 Media: 3.3]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato