Effetti collaterali delle diete iperproteiche

Dimagrire velocemente è l’obiettivo di tutti coloro che decidono di seguire una dieta iperproteica. Ma quali rischi comporta un regime alimentare così poco equilibrato?

diete iperproteiche
Cominciamo con il dire che le diete iperproteiche sono caratterizzate dall’abbondanza di proteine e grassi a discapito di carboidrati e zuccheri.
Le proteine tendono infatti a sviluppare la massa muscolare, riducendo quella grassa, ragion per cui vengono abitualmente consumate da sportivi come i pesisti.
Praticamente tutte le diete dimagranti sono a basso contenuto di carboidrati, ma non tutte le diete a basso contenuto di carboidrati sono iperproteiche. Le diete iperproteiche più conosciute sono la Dukan, la Scarsdale e la Mayo.

Le diete iperproteiche funzionano?

Se per funzionare intendiamo “fanno perdere chili rapidamente”, allora la risposta è si, funzionano. Tuttavia, volendo essere precisi, anche digiunare per una settimana vi farà perdere chili, ma questo non basta a rendere il digiuno consigliabile dai dietologi.
Nel digiuno, quanto nella dieta iperproteica, l’organismo entra in uno stato denominato chetosi caratterizzato dalla presenza di corpi chetonici nel sangue – acetone, acido acetoacetico e acido betaidrossibutirrico – che il corpo produce per far fronte alla carenza di zuccheri cui lo stiamo sottoponendo.
Trattandosi di un “surrogato” degli zuccheri, a risentirne principalmente è il meccanismo di produzione di energia (presieduto proprio dagli zuccheri) e la funzionalità degli organi deputati allo smaltimento dei corpi chetonici, principalmente il fegato e i reni.
Il primo sintomo associato alla chetosi è l’alitosi, spesso accompagnata dalla stipsi.
Il corpo umano pertanto non può fare a meno degli zuccheri per lunghi periodi di tempo senza patire gravi conseguenze (a fegato e reni innanzitutto), ed è questo il motivo per cui le diete iperproteiche necessitano di una durata molto breve.

All’assenza degli zuccheri va inoltre associata quella delle vitamine: in una dieta iperproteica frutta e verdure sono ridotte ai minimi, così come i carboidrati.
In conclusione, è certamente plausibile che le testimonianze di chi afferma di aver perso 12 chili in un mese seguendo una dieta iperproteica siano veritiere, ma prima di buttarsi a capofitto in una dieta squilibrata è bene aver piena consapevolezza delle proprie condizioni di salute, possibilmente con l’aiuto del medico di fiducia.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 13 Media: 3.5]

ClaudiaL

Informazioni sull'autore
Appassionata di dieta, alimentazione, benessere e rimedi naturali. Curiosa quanto basta per tenermi sempre aggiornata e creare contenuti che possono rivelarsi utili agli altri!
Tutti i post di ClaudiaL