Home Salute Dolori renali: cause, sintomi e trattamenti

Dolori renali: cause, sintomi e trattamenti

I dolori renali colpiscono la sede lombare o i fianchi e possono segnalare la presenza di patologie o condizioni non patologiche. Scopriamo meglio il dolore ai reni!

Dolore ai reni- foto det.it

Il mal di reni può irradiarsi verso il centro dell’addome fino al basso ventre, manifestandosi in maniera acuta (dolore improvviso) o cronica (persistente nel tempo).

Si tratta di un dolore somatico che trova origine nell’infiammazione, nell’infezione, nell’aumento di volume o nelle lesioni del tessuto dei reni.

Apparato urinario

Apparato urinario- foto urologiamiulli.com

La conoscenza dell’apparato urinario potrebbe migliorare la consapevolezza del dolore renale e spingere verso una diagnosi più veloce:

  • Reni – Posti ai lati della colonna vertebrale filtrano il sangue, eliminano il materiale di scarto e producono urina per mantenere l’equilibrio idro-salino del corpo.
  • Ureteri – Gli organi a forma tubolare sono collegati ai reni in modo da raccogliere l’urina e convogliarla nella vescica.
  • Vescica – La sacca muscolare raccoglie l’urina e la spinge nell’uretra per mettere in moto l’espulsione delle sostanze nocive.
  • Uretra – Il condotto dell’uretra porta l’urina dalla vescica verso l’esterno del corpo e permette l’eliminazione di tutte le sostanze raccolte nel liquido.

Dolori renali: Cause

Cisti renale- foto medos.it

I dolori renali possono essere di lieve o grave entità a seconda della causa e per questo può accompagnarsi a una serie di sintomi specifici.

La causa più frequente del dolore ai reni è rappresentata dalla presenza di calcoli che si muovono lungo l’apparato urinario e che ostacolano il flusso dell’urina (dolore da calcoli renali).

Il calcolo renale, una volta incuneato nell’uretere, genera un dolore intenso che si arresta soltanto quando riesce a passare nella vescica.

In linea di massima, però, le cause possono essere patologiche o non patologiche e, a volte, possono slegarsi da problemi dell’organo.

Cause patologiche

  • Calcoli renali – I cristalli composti da sostanze si cristallizzano a livello dei reni impedendo il deflusso dell’urina e provocando spasmi dolorosi che si irradiano dalla schiena e arrivano all’addome, sangue nelle urine e senso di nausea.
  • Idronefrosi – La dilatazione del sistema di drenaggio del rene provoca un ristagno dell’urina e si manifesta con un dolore crampiforme localizzato ai fianchi, sangue nelle urine e riduzione della diuresi.
  • Nefrite – La malattia infiammatoria del rene dovuta a un’infezione batterica provoca dolore in sede addominale e lombare, febbre, nausea, vomito, diminuzione del volume di urina, cambiamento del colore dell’urina e ritenzione idrica.
  • Malattia renale policistica – La patologia ereditaria porta alla formazione di cisti piene di liquido ai reni e alla perdita della funzionalità renale, oltre che tracce di sangue nelle urine, minzione frequente e coliche renali.
  • Infarto renale – Il tessuto renale risulta necrotizzato a causa di un’occlusione di un’arteria renale o un trombo, una situazione caratterizzata da dolore a fianco e addome, febbre, sangue nelle urine, nausea, vomito e ipertensione.
  • Cisti o carcinomi renali – Le neoformazioni ostruiscono il deflusso dell’urina e provocano dolore al fianco tra le costole e l’anca, sangue nelle urine, perdita di peso, febbre e ipertensione.
  • Aneurisma dissecante dell’aorta addominale – La patologia è dovuta allo sfiancamento e alla rottura della parete dell’aorta addominale ed è caratterizzata da mal di schiena, dolori addominali e renali, vertigini, senso di soffocamento e aumento dei battiti cardiaci.
  • Appendicite – L’infiammazione dell’appendice dell’intestino crasso provoca dolore ai reni che si irradia, febbre, gonfiore, nausea, vomito, stitichezza o diarrea.

Cause non patologiche

  • Traumi – Un incidente o una caduta possono causare lesioni renali che si manifestano con dolore e presenza di sangue nelle urine.
  • Abuso farmaci – Gli effetti indesiderati delle terapie farmacologiche possono portare a una compromissione dell’apparato urinario.
  • Gravidanza – Il periodo di gestazione sovraccarica la funzionalità dei reni e riduce l’apporto di sangue ai reni, una condizione che provoca dolore e aumento di minzione.
  • Ciclo mestruale – L’aumento delle prostaglandine contrae la muscolatura e provoca un dolore che si irradia dall’addome ai reni.
  • Alimentazione sbagliata – Un regime alimentare iperproteico sovraccarica i reni e favorisce la formazione di calcoli renali.

Dolori renali: Sintomi

Dolore addominale- foto dilei.it

La maggior parte delle patologie renali non producono sintomi fino a quando la patologia non raggiunge uno stadio avanzato.

Il dolore ai reni può accompagnarsi a un pool di sintomi corollari destinati a rivelare un problema per l’apparato urinario:

  • Febbre (infiammazione o infezione dovuta alla presenza di calcoli)
  • Stanchezza e vomito (tossine che non vengono eliminate)
  • Disturbi minzionali (bisogno di urinare, ridotta quantità di urine o nicturia)
  • Tracce di sangue nelle urine (infezione di un calcolo o un coagulo)
  • Cambiamento colore delle urine (brune per la presenza di proteine e rosse per la presenza di sangue)

Diagnosi

Esame delle urine- foto bolyatpochki.ru

I primi sintomi devono portare a un’analisi dei segni e un approfondimento della condizione mediante esami clinici:

  • Analisi delle urine (rileva presenza di sostanze che indicano un’infezione in atto)
  • Radiografia (valutazione delle condizioni dei reni)
  • Ecografia (funzionalità renale e presenza di cisti, calcoli o tumori)
  • TAC (ricerca delle masse o dei calcoli)
  • Risonanza magnetica (immagine tridimensionale di approfondimento)
  • Scintigrafia (iniezione di un tracciante radioattivo e monitoraggio del flusso sanguigno del rene)
  • Biopsia renale (prelievo campione di tessuto renale)
  • Citologia urinaria (ricerca cellule tumorali)

Dolori renali: cosa fare

Cura del mal di reni- foto ecomesifa.it

Il mal di reni deve essere considerato il sintomo di un problema che coinvolge i reni e l’apparato urinario, una condizione che può essere trattata in modo differente:

  • Antidolorifici – Antinfiammatori per lenire il dolore.
  • Liquidi – Bere molti liquidi favorisce la diuresi e l’eliminazione di eventuali calcoli renali piccoli.
  • Chirurgia – I calcoli renali più grandi devono essere rimossi chirurgicamente con un intervento chiamato litotrissia (sbriciola il calcolo con speciali onde a ultrasuoni) o l’asportazione delle masse o del rene compromesso dal tumore.
  • Citrato di potassio – Il citrato di potassio può disciogliere poco alla volta i calcoli di acido urico.
  • Dieta – Un regime alimentare a base di proteine e sodio può essere sufficiente per recuperare la funzionalità renale in caso di leggera nefrite.
  • Dialisi o trapianto – Le soluzioni trattano la degenerazione delle infezioni del tratto urinario legate alla malattia renale policistica.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 3 Media: 2,7]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui