Home Salute Dolore al seno o mastalgia: cause, sintomi e trattamenti

Dolore al seno o mastalgia: cause, sintomi e trattamenti

Il dolore al seno o mastalgia è un sintomo acuto legato a patologie mammarie ed extra mammarie, una condizione para fisiologica risolvibile solo attraverso una diagnosi accurata.

Dolore al seno- foto salutarmente.it

La mastalgia provoca dolori al seno che variano da soggetto a soggetto e spinge le donne colpite a sospettare di un cancro al seno.

Il dolore può interessare uno o entrambi i seni, essere costante o intermittente con intensità urente o sorda, variare in un range ampio (dolore moderato come una tensione o dolore severo come un fattore invalidante), partire dall’ascella o dal dorso e raggiungere braccia e collo, presentarsi frequentemente nella fase premestruale e attenuarsi o scomparire dopo il ciclo mestruale.

Dolore al seno: classificazione

Dolore al seno destro- foto pazienti.it

Le caratteristiche del dolore al seno possono catalogare la mastalgia in tre categorie distinte: mastalgia correlata al ciclo mestruale, mastalgia non correlata al ciclo mestruale e mastalgia estranea alla zona mammaria.

Mastalgia correlata al ciclo mestruale

La maggior parte delle donne che soffrono di mastalgia correlata al ciclo mestruale presentano un dolore dipendente dai cambiamenti ormonali del ciclo mestruale.

Il dolore interessa entrambi i seni o può essere unilaterali, ma non è severo dal momento che è paragonabile a una tensione simile alla mammella rigonfia di latte.

Generalmente insorge un paio di giorni prima dell’inizio delle mestruazioni (dolore al seno durante l’ovulazione)e si attenua fino a scomparire al termine del ciclo mestruale.

Il dolore al seno dopo il ciclo sparisce ma può accompagnare la donna per moltissimi anni e fermarsi solo con il sopraggiungere della menopausa.

Mastalgia non correlata al ciclo mestruale

La mastalgia non ciclica è un dolore che non ha nulla a che fare con il ciclo mestruale ma è comunque legato ai problemi della mammella.

Viene definito dolore al seno in menopausa perché interessa in particolar modo le donne in menopausa e può durare diversi anni prima di sparire improvvisamente.

Di norma il dolore si presenta unilaterale, urente e trafittivo e può arrivare in maniera spontanea o dopo palpazioni in talune zone.

È possibile che la mastalgia non ciclica interessi tutto il seno e non può essere localizzata, rendendo difficile la diagnosi.

Mastalgia extra mammaria

Il dolore alla mammella può essere provocato da cause esterne alla mammella stessa e il dolore non può essere collegato al ciclo mestruale.

Generalmente il dolore viene avvertito nella zona centrale del petto e può essere confuso con un attacco di cuore.

Dolore al seno: cause

Seno dolorante- foto senoesenologia.it

Ogni tipo di mastalgia è collegata a una serie di cause che non solo delimitano la classificazione ma ne definiscono il quadro sintomatologico.

Cause della mastalgia ciclica

Non sono ancora note le cause della mastalgia ciclica e, anche se è evidente la correlazione con i livelli ormonali, sono state avanzate solo delle ipotesi circa il dolore al seno destro o il dolore al seno sinistro:

  • Estrogeni – Gli ormoni spingono i lobuli e i dotti galattofori a dilatarsi senza che vi sia la reale produzione di latte.
  • Progesterone – Il progesterone modula la concentrazione e il meccanismo di azione degli estrogeni e spinge gli acini delle ghiandole mammarie ad accrescere.
  • Prolattina – L’ormone secreto dalla ipofisi viene modulato dagli estrogeni e stimola la divisione delle cellule mammarie.
  • Patologie – La mastopatia fibrocistica è caratterizzata da numerosi cisti benigne mentre l’ectasia duttale si presenta con secrezioni sierose e dolore ai capezzoli.

Cause della mastalgia non ciclica

Nella maggior parte dei casi di mastalgia non ciclica risulta possibile individuare la causa del dolore al seno in maniera più precisa:

  • Tumore – La localizzazione del dolore permette di distinguere carcinomi duttali e carcinomi lobulari, forme tumorali individuabili già con l’autopalpazione.
  • Formazioni – Le altre possibili cause possono essere ghiandole sebacee infette, foruncoli, adenosi sclerosante e così via.

Cause mastalgia extra mammaria

Le cause del dolore al seno legato alla mastalgia extra mammaria possono essere molteplici e identificabili facilmente:

  • Traumi – La tensione della cintura di sicurezza che si arresta improvvisamente e le indagini bioptiche sui noduli possono provocare tette dure e dolore al seno.
  • Angina – L’insufficiente irrorazione del muscolo cardiaco a causa della presenza di placche aterosclerotiche nelle coronarie può provocare un dolore al petto.
  • Sindrome di Tietze – La costocondrite si presenta come un’infiammazione benigna delle cartilagini delle articolazioni di sterno e costole.
  • Vertebre – Le patologie delle vertebre cervicali e delle vertebre dorsali possono influire negativamente e determinare dolori al seno.
  • Alcolismo – L’abuso di alcol può causare danni epatici e il cattivo metabolismo degli steroidi sessuali che possono provocare dolore.
  • Dieta con xantine – L’alcaloide xantine contenuto nel caffè, nel tè e nella cioccolato finisce per liberare ioni super ossidi che ossidano i lipidi delle membrane del seno, riducono gli scambi ionici fisiologici e crea una sindrome dolorosa.
  • Acidi grassi essenziali – Un insufficiente apporto di acidi grassi essenziali crea una sintesi anomala di prostaglandine (mediatori dell’infiammazione) e provoca dolore.

Dolore al seno: diagnosi

Diagnosi fitte al seno- foto oncenoticias.tv

Il senologo deve riuscire a comprendere se il seno dolorante è legato al ciclo mestruale attraverso una anamnesi precisa e per questo può consigliare di tenere un diario del dolore da compilare per almeno 3 mesi con presenza e intensità del dolore.

La diagnosi deve avvalersi della disamina del quadro sintomatologico e di una serie di esami e test clinici specifici come ecografia, mammografia e biopsia dei noduli con ago aspirato.

Dolore al seno: Cure e trattamenti

Seno gonfio e dolorante: cure e trattamenti- foto salute.pourfemme.it

Il trattamento del dolore al seno non può prescindere dalla tipologia di mastalgia. Di fatto solo una diagnosi chiara e precisa può assicurare una cura ad hoc.

Cura mastalgia ciclica

La cura della mastalgia ciclica, una volta esclusa la presenza di un cancro al seno, prevede una serie di accorgimenti e trattamenti.

  • Reggiseno contenitivo – L’idea è ridurre i movimenti sussultori delle mammelle.
  • Diuretici – Occorre diminuire la ritenzione idrica tipica del periodo premestruale e della tensione al seno.
  • Antinfiammatori non steroidei – Farmaci somministrati per via topica o sistemica.
  • Progestinici – Pillole anticoncezionali per influenzare il rapporto tra estrogeni e progesterone.
  • Bromocriptina – Il derivato dell’alcaloide ergotamina inibisce la sintesi della prolattina che stimola la ghiandola mammaria.
  • Danazolo – Possiede una struttura simile al testosterone e riserva effetti androgeni (casi gravi di mastalgia).
  • Olio di Rapunzia – L’estratto naturale è ricco di acidi grassi essenziali come acido linoleico e acido linolenico.

Cura mastalgia non ciclica

Il trattamento del dolore del seno viene applicato in base alla diagnosi, ma non sempre in questi casi è possibile rimandare a una diagnosi precisa.

Ovviamente se non è possibile individuare una causa precisa è opportuno mantenere il dolore al seno sotto controllo tramite somministrazione FANS.

Dolore al seno in gravidanza e allattamento

Dolore al seno in gravidanza- foto iltuouniversodonna.it

Va da sé che il dolore al seno è un sintomo molto comune in donne incinte o in fase di allattamento, considerando lo scompenso ormonale che queste due condizioni portano all’interno della vita da neo mamma.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui