Home Salute Dolore al braccio sinistro: cause, sintomi e trattamenti

Dolore al braccio sinistro: cause, sintomi e trattamenti

Il dolore al braccio sinistro è uno dei sintomi tipici dell’infarto, ma questa associazione non è l’unica possibile. Ma allora quando il dolore al braccio sinistro deve preoccupare?

Braccio- foto flickr.com

Si tende a pensare al dolore al braccio sinistro come al preludio di un infarto, ma in questo caso è sempre accompagnato da altri sintomi. Qualche esempio? La sudorazione e la tachicardia.

In realtà il dolore al braccio sinistro potrebbe essere l’espressione di un dolore allo sterno, dolori intercostali, stenosi cervicale e altre condizioni.

Dolori al braccio sinistro: Cause

Cuore- foto pixabay.com

Le cause dei dolori al braccio sinistro possono essere determinate da problemi muscolari, nevralgie o condizioni serie come l’infarto. Quali?

  • Discopatia cervicale – I problemi al disco cervicale possono infiammare le radici nervose e generare una sensazione di dolore dal braccio sinistro alla cervicale.
  • Contrazione del plesso branchiale – Il plesso branchiale, cioè i nervi che si originano dalla colonna e viaggiano lungo gli arti, potrebbe contrarsi a tal punto da dare dolore sia alla spalla che al braccio.
  • Lesione cuffia dei rotatori – La cuffia dei rotatori è un insieme di muscoli e tendini che consente il movimento del braccio e per questo una sua lesione causa un dolore costante lungo il braccio.
  • Tendinite – L’uso ripetitivo di braccio e spalla potrebbe infiammare il tessuto connettivo che collega ossa e muscoli e provocare dolore al braccio sinistro e spalla.
  • Borsite del gomito – L’infiammazione della borsa del gomito potrebbe causare dolore lungo la parte superiore del braccio.
  • Sindrome del tunnel carpale – La compressione del nervo mediano compromette legamenti e tendini del polso, causando anche un dolore a braccio e avambraccio sinistro (specie sotto sforzo).
  • Sindromi autoimmuni – Le sindromi autoimmuni come il lupus o l’artrite reumatoide causano dolore al collo, spalla e braccio sinistro, coinvolgendo anche polo e gomito.
  • Infarto – L’infarto del miocardio determinato dall’ostruzione di un’arteria coronarica genera un dolore al petto e braccio sinistro.
  • Angina pectoris – Si tratta di una condizione determinata da una riduzione del flusso sanguigno del tutto temporaneo.
  • Trauma – Una distorsione, contusione o frattura può causare un dolore al muscolo o all’osso braccio. Il braccio sinistro è indolenzito anche quando si dorme tenendo il peso su di esso.
  • Ansia – Si tende a collegare il dolore al braccio sinistro e l’ansia perché questa condizione può irrigidire il corpo e causare un dolore che viene scambiato per infarto. Anche in caso di attacchi di panico si ha il dolore al braccio sinistro.

Dolore al braccio sinistro: Sintomi

Dolore toracico- foto pixabay.com

Il dolore al braccio sinistro è un sintomo di una condizione sottostante più o meno preoccupante, ma solitamente si accompagna ad altri sintomi.

Tra l’altro il dolore si manifesta con modalità e intensità differenti a seconda della condizione sottostante: intenso e temporaneo; al tatto o al movimento; localizzato; prolungato.

Come riconoscere il dolore al braccio in caso di infarto? Il dolore al braccio sinistro si accompagna a un dolore toracico, difficoltà respiratorie, nausea, respiro corto, stanchezza e tachicardia.

Per quanto riguarda l’angina pectoris, i sintomi sono simili a quelli di un infarto ma arrivano dopo uno sforzo, quando si abbassano le temperature o quando si è in ansia. Tuttavia spariscono dopo qualche minuto.

In caso di borsite del gomito, invece, il dolore è localizzato nella zona del gomito e diventa più intenso al tatto o al movimento.

La tendinite si manifesta con un dolore che arriva ogni qual volta si utilizza una determinata articolazione.

Se si percepisce un dolore sordo o costante e una debolezza del braccio allora quasi sicuramente si tratta di lesione della cuffia dei rotatori.

Il dolore al braccio che si irradia lungo la colonna vertebrale e la cervicale può essere causato dalla discopatia o da una contrazione del plesso branchiale.

Quando il dolore generalizzato si estende dalle mani al collo è possibile collegarlo a un sintomo di una patologia autoimmune.

In ultimo non bisogna dimenticare la correlazione tra ansia e dolore al braccio sinistro temporaneo per non temere il peggio.

Diagnosi

La diagnosi passa dalla valutazione dei sintomi correlati: che tipo di dolore si avverte al braccio sinistro? Subito dopo lo specialista prescrive una serie di analisi e test imaging.

Quando il dolore al braccio sinistro deve preoccupare? Quando si associa ai sintomi dell’infarto. In tal caso è necessario recarsi al pronto soccorso e sottoporsi al monitoraggio ECG del cuore e a terapia endovenosa.

Se la procedura di cateterizzazione cardiaca non dovesse mostrare alcun blocco cardiaco allora lo specialista richiede visita ortopedica e altri test.

Per esempio la radiografia aiuta a individuare eventuali fratture mentre l’ecografia rivela danni a tendini e legamenti.

E ancora, la risonanza magnetica e le scansioni TC sono test necessari per valutare la condizione di ossa e tessuti molli.

Dolore al braccio sinistro: Trattamenti e cure

Non esiste un trattamento standard per il dolore al braccio sinistro: la cura passa dalla valutazione della causa sottostante.

Una terapia antinfiammatoria e un ciclo di fisioterapia potrebbe essere sufficiente per gestire un’infiammazione o un problema ortopedico.

In caso di infarto, invece, gli specialisti possono attuare un approccio non invasivo a base di farmaci o procedere con un intervento (impianto stent nell’arteria compromessa, angioplastica dell’arteria bloccata o bypass di una parte sana del vaso destinato a deviare il flusso sanguigno).

Le persone che hanno subito un infarto dovrebbero mantenere uno stile di vita sano per evitare altri episodi: dieta equilibrata, perdita di peso, attività fisica ed eliminazione del fumo.

Ai soggetti predisposti a ipercolesterolemia possono essere prescritti anche medicinali anticolesterolo, anticoagulanti e/o antipertensivi.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui