Come dire addio alle maniglie dell’amore

Gli antiestetici rotolini di grasso adiposo che si accumulano nella zona fianchi e che appesantiscono il girovita non risparmiano nemmeno gli uomini. Costituzione, sedentarietà e dieta disordinata creano un mix perfetto che aumenta il girovita e crea le maniglie dell’amore.

Esercizi per eliminare le maniglie dell’amore- foto salute.robadadonne.it

In realtà, quello che viene considerato un semplice inestetismo aumenta le possibilità di sviluppare malattie coronariche, insulino resistenza, diabete, ipertensione e molto altro.

La prima cosa da fare è cercare di bruciare grassi seguendo un regime alimentare sano e ipocalorico e uno stile di vita sano, mettendo in piedi una routine di fitness pensata per assottigliare il girovita e dire addio alle maniglie dell’amore.

Maniglie dell’amore: allenamento mirato

Ebbene, anche se l’addome è la zona su cui l’allenamento deve puntare, le maniglie dell’amore non svaniscono con semplici sessioni di addominali. È necessario integrare gli esercizi per gli addominali con attività aerobiche quali corsa, ciclismo e nuoto e intervalli di allenamento coi pesi.

Solo l’associazione di esercizi aerobici con altri esercizi mirati possono innalzare il metabolismo e bruciare più calorie nell’arco di una giornata, eliminando poco per volta quei rotolini antiestetici a carico dei fianchi.

Un programma di allenamento efficace deve essere pianificato e spalmato in un lungo periodo, perché prima vi è l’adattamento all’esercizio e agli attrezzi e poi si entra nel vivo del programma anti maniglie dell’amore.

Maniglie dell’amore: esercizi

Ma quali sono i migliori esercizi per dire addio alle maniglie dell’amore? Come già detto, un piano alimentare equilibrato e una ricca sessione di cardio possono far spazio a esercizi mirati per eliminare il grasso adiposo che si accumula sui fianchi.

Bicycle crunch

La variante dei classici crunch consiste nel poggiare la schiena per terra, mantenere le mani dietro le orecchi e alzare le gambe a formare un angolo di 90°. Da questa posizione bisogna portare il ginocchio sinistro verso il petto e ruotare il gomito destro verso la gamba sinistra.

Russian Twist

L’esercizio inizia con una posizione seduta con le ginocchia piegate e i piedi appoggiati a terra per poi portare le spalle leggermente indietro, mentre si mantiene la schiena dritta e si contraggono i muscoli addominali. A questo punto è necessario allungare le braccia di fronte ed effettuare una torsione del busto da un lato all’altro.

Plank knee drive

Mantenendo le braccia dritte e parallele e la schiena dritta e restando in equilibrio sulle punte dei piedi, portare il ginocchio destro fino a toccare il gomito destro. Ripetere l’esercizio per almeno 10/15 volte prima su una gamba e poi sull’altra.

Slide plank hip dips

La variazione dell’esercizio plank prende il via da una posizione su un fianco con la schiena dritta e il gomito destro poggiato a terra. A questo punto è necessario inspirare e alzare l’anca dal per poi espirare e riportare l’anca verso terra, ma senza appoggiarsi del tutto.

Side plank

Stando stesi su un fianco bisogna alzare il corpo da terra appoggiandosi sul braccio, mantenere l’altro braccio steso dritto verso l’esterno e tenere i piedi appoggiati uno sull’altro. Non bisogna far altro che restare nella posizione a ” T” e ripetere l’esercizio sull’altro lato.

Stability ball plank

Mettere i gomiti e gli avambracci sulla palla di stabilità, tenere la schiena dritta e mantenere la posizione in equilibrio per 2-5 minuti.

Elevated plank

La superficie rialzata di una panca o una palla di stabilità è perfetta per appoggiare i piedi o la parte inferiore delle gambe e rimanere con le braccia tese e la schiena dritta. Mantenere la posizione per 2-5 minuti.

High plank sulle mani

Da una posizione prona, mettere le mani all’altezza delle ascelle e alzarsi sulle braccia senza estenderle del tutto, facendo attenzione a mantenere le gambe dritte. Rimanere in questa posizione per 30 secondi.

Low plank sui gomiti

Non bisogna far altro che appoggiare i gomiti e gli avambracci sul pavimento, all’altezza delle ascelle e sollevare il corpo da terra con le gambe dritte. Mantenere la posizione per 1-3 minuti.

Stacco

La posizione tipo squat, con le gambe allargate all’altezza delle spalle e le ginocchia leggermente piegate, è ideale per alzare un kettleball o dei manubri di fronte con le braccia allungate e riportali lentamente verso il basso.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato