Home Integratori Alimentari & Cosmetici Danni del fumo: a cosa servono gli integratori per fumatori? Funzionano?

Danni del fumo: a cosa servono gli integratori per fumatori? Funzionano?

Il tabacco contenuto nelle sigarette contiene più di 4.000 sostanze irritanti e tossiche che creano notevoli problemi di salute. Il fatto che i filtri riducano la quantità di sostanze inspirate e che esistano diversi integratori per fumatori utili a contrastare i danni del fumo non significa riuscire a eluderne i pericoli.

I pericoli del fumo- foto scienzaesalute.blogosfere.it

Il mix di sostanze nocive contenuto in ogni sigaretta possiede la capacità di influire negativamente sull’equilibrio  generale dell’organismo, aumentare il rischio di contrarre patologie legate all’uso del tabacco e ridurre la durata media e la qualità di vita di un fumatore.

Leggi anche: Danni del fumo : Più danni per le donne che per gli uomini

Sostanze contenute nel tabacco

Tabacco- foto nj.com

Il problema è che nel fumo di sigaretta sono presenti sostanze chimiche cancerogene capaci di generare danni cellulari e biologici spesso irreversibili. Quali sono le più pericolose?

La combinazione di acido cianidrico, acroleina, formaldeide e ammoniaca danneggia la mucosa delle vie respiratorie e provoca disturbi vari quali tosse grassa, eccesso di muco, bronchite cronica ed enfisema.

Il catrame contiene sostanze cancerogene che irritano le vie respiratorie e creano problemi al cavo orale come denti gialli, alito cattivo e sensazione di amaro in bocca.

Il monossido di carbono riesce a legarsi all’emoglobina e a ridurre la capacità di trasportare l’ossigeno necessario a nutrire i tessuti e indispensabile per dare vita alle varie funzioni biologiche del corpo.

La nicotina rappresenta il 2-8% del contenuto del tabacco di una sigaretta, un alcaloide che passa nel sangue e raggiunge il cervello stimolando la liberazione di dopamina nel sistema nervoso centrale e di adrenalina nel surrene per creare un effetto eccitante che crea dipendenza.

Di fatto è la velocità con cui questo accento elettrizzante lascia spazio a un effetto deprimente a spingere a fumare nuovamente per ottenere lo stesso effetto, una ricorsività che crea dipendenza e aumenta il rischio di manifestazioni corporee negative.

Danni del fumo

Invecchiamento cellulare- foto linkedin.com

Il Center for Disease Control and Prevention U.S.A. ha identificato ben 27 malattie fumo-correlate che possono coinvolgere i fumatori attivi e i fumatori passivi.

Ogni malattia riserva un grado di gravità direttamente proporzionale a età di inizio, numero di sigarette fumate durante il giorno, numero di anni di fumo e genere di inalazione del fumo:

  • Tumori al polmone – Gli idrocarburi policiclici aromatici presenti nel catrame e nel Polonio 210 sarebbero responsabili della maggior parte di tumori polmonari, bronchite croniche e incidenti cardiovascolari correlati al fumo di tabacco.
  • Infarto – Il muscolo cardiaco riceve una ridotta quantità di sangue o subisce la chiusura di una o più arterie coronariche.
  • Cardiopatia ischemica – Il monossido di carbonio e la nicotina riducono il flusso di sangue e di ossigeno che arriva al muscolo cardiaco.
  • Colpo apoplettico – Lo stroke è una malattia che si presenta con perdita di conoscenza, feci e urine e che può portare anche alla morte.
  • Aneurisma aortico – Il processo di dilatazione dell’aorta rende l’importantissima arteria molto suscettibile a possibili rotture.
  • Disfunzione erettile – È stato riscontrato che il fumo può comportare il rischio di impotenza maschile o calo della capacità di dilatazione del tessuto erettile, soprattutto in presenza di patologie cardiovascolari e terapie farmacologiche annesse.
  • Invecchiamento della pelle – Il fumo velocizza il processo di invecchiamento della pelle e promuove l’irsutismo del volto.
  • Cavo orale – L’abbassamento delle difese immunitarie naturali coinvolge il cavo orale e favorisce l’aumento della placca batterica, l’ingiallimento dei denti, il rischio di gengivite e il cancro della bocca.
  • Gravidanza – Le sostanze nocive contenute nel tabacco delle sigarette influiscono negativamente sull’apparato riproduttivo femminile e provocano menopause precoci, rischio di aborti e nascituri sottosviluppati.

Approfondisci su: Perché smettere di fumare? Questo video ti dà le risposte

Danni del fumo: come proteggersi

Integratori per fumatori- foto www.x115.it

Smettere di fumare rappresenta l’unica soluzione per ovviare all’insorgenza di problemi e malattie fumo-correlate e al calo delle aspettative di vita.

Le diete, i farmaci o gli integratori per fumatori non possono cancellare gli effetti dannosi del fumo o proteggere dall’insorgenza di malattie dal momento che non esiste miglior soluzione che smettere di fumare, rivalutare lo stile di vita e ridefinire le abitudini alimentari.

L’obiettivo di questi metodi suppletivi e in particolare degli integratori per fumatori è quello di supportare le difese immunitarie dell’organismo contro l’azione delle sostanze nocive del tabacco.

In realtà lo stato di assuefazione provocato dalla sigaretta compromette il normale senso di appetito, spingendo così i fumatori a mangiare meno e ad assumere sempre meno frutta, vegetali e integrazioni alimentari.

Le cattive abitudini alimentari e l’effetto pro-ossidante del fumo riducono le concentrazioni di antiossidanti endogeni ed esogeni e incrementano lo stress ossidativo, una combinazione che costruisce le basi per la comparsa di malattie fumo-correlato e invecchiamento cellulare precoce.

La vasta gamma di integratori per fumatori in commercio punta a offrire un ventaglio di proposte capaci di colmare i deficit vitaminici e nutrizionali e sostenere i sistemi difensivi endogeni dell’organismo contro stress ossidativo e malattie fumo-correlate.

Integratori per fumatori: X115® SD – Special Defence

Integratore antifumo- foto www.x115.it

L’esame dell’integratore X115® SD – Special Defence può aiutare a far luce sul meccanismo d’azione di molte formulazioni integrative sviluppate appositamente per proteggere i fumatori dai danni del fumo.

La forza di questo integratore per fumatori risiede nel complesso di vitamine e principi attivi nutraceutici studiato per sostenere le difese immunitarie contro i danni del fumo:

  • Xilitolo – La presenza di xilitolo e l’assenza di zucchero di questo come di molti integratori per la salute dei denti sostituiscono le classiche caramelle contro l’alito cattivo ricche di saccarosio e sostengono la mineralizzazione dentale messa a dura prova dal tabacco.
  • Menta – L’estratto di menta naturale titolato in mentolo regala una sensazione di freschezza immediata che aiuta a gestire l’alito cattivo provocato dal fumo.
  • Flavonoidi estratti di agrumi – Il complesso di flavonoidi estratti da agrumi aiuta a contrastare gli oltre 10 milioni di miliardi di radicali reattivi che ogni sigaretta introduce nell’organismo in grado di distrugge DNA, proteine e lipidi e favorire l’insorgenza di molti problemi (enfisema e malattie cardiovascolari).
  • Acido folico – Una carenza di acido folico può comportare una riduzione di fertilità e una maggiore incidenza di problemi cardiovascolari, patologie neurodegenerative, forme tumorali (bocca, laringe, esofago, pancreas, fegato e vescica) e anemia.
  • Vitamina B12 – La percentuale di vitamina B12 riduce le probabilità di contrarre anemia, patologie cardiovascolari e calo della fertilità
  • Vitamina C – Una integrazione di vitamina C per i fumatori si trasforma in un supporto immunitario contro l’azione dei radicali liberi prodotti dal fumo e un possibile inibitore di alcune forme di cancro, patologie cardiovascolari e disturbi della fertilità molto comuni nei fumatori.
  • Vitamina E – La carenza di vitamina E sembra influenzare la funzionalità dei nervi e favorire problemi di anemia, retinopatia e sistema immunitario.
  • N-AcetelCisteina – Il composto viene sfruttato in campo farmaceutico per fluidificare le secrezioni bronchiali vischiose che accompagnano la tosse grassa del fumatore, sostenere le difese immunitarie e migliorare i sintomi della Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva
  • Melatonina – La percentuale di melatonina promuove i principali antiossidanti endogeni attivi contro lo stress ossidativo e preserva una potenziale utilità nella disassuefazione da fumo.
  • Vitamina D – Sostenere i livelli corretti di vitamina D significa ridurre il rischio di patologie cardiovascolari, steatosi epatica non alcolica, malattie polmonari gravi e problemi ossei.

Riepilogando, quindi, assumere giornalmente da un minimo di cinque a un massimo di venti compresse masticabili dell’integratore X115® SD – Special Defence  può riuscire a supportare le difese immunitarie contro i radicali liberi, promuovere la salute dei denti e fluidificare le secrezioni bronchiali dense e vischiose provocate dal tabagismo.

Rimedi per smettere di fumare

Sigarette elettroniche come rimedio per smettere di fumare- foto lastampa.it

Smettere di fumare resta il modo migliore per prevenire e/o rallentare i danni provocati dalle sostanze dannose avvolte dalla carta delle sigarette.

I fumatori possono sfruttare diverse soluzioni per liberarsi dalla dipendenza da nicotina, oltre agli integratori per fumatori: libri motivazionali, cerotti, sigarette elettroniche, gomme da masticare e rimedi naturali.

  • Libri motivazionali – Gli strumenti motivazionali propongono vari tipi di esercizi per superare le debolezza psicologiche che spingono a continuare a fumare.
  • Cerotti antifumo – I cerotti somministrano quantità prestabilite di nicotina attraverso la cute, dosi destinate a ridurre l’apporto di nicotina gradualmente nel tempo e a placare il bisogno di fumare.
  • Gomme da masticare – Si pensa che mantenere la bocca e la mente impegnata possa regalare una sensazione di benessere che allontana la voglia di fumare.
  • Sigarette elettroniche – La sigaretta elettronica “inganna” la mente con un’alternativa al fumo costruita sul vapore, una soluzione che non sostituisce la sensazione di tabacco.
  • Piante officinali – La fitoterapia sfida la dipendenza da nicotina con le proprietà terapeutiche delle piante officinali.
  • Auricoloterapia – La speciale forma di agopuntura per l’orecchio tenta di ridurre l’ansia provocata dall’astinenza consumo di tabacco.
  • Ipnoterapia – La terapia ipnotica punta a sostenere il fumatore nel suo percorso di cambiamento delle abitudini sbagliate, compreso il tabagismo.

Leggi anche: Come smettere di fumare: Il momento della prova

Rimedi naturali per smettere di fumare

Liquirizia- foto giardinaggio.net

Fortunatamente esistono piante ed erbe officinali da utilizzare sotto forma di infusi, compresse, estratti secchi o liquidi in dosi e modalità di somministrazione differenti per agire positivamente su ansia e nervosismo e sostenere un cambiamento risolutivo:

  • Iperico o erba di San Giovanni – L’iperico riesce a sostenere l’umore nelle prime fasi in cui si rinuncia alla sigaretta, ma non deve essere assunta in caso di terapie antivirali oppure antidepressive.
  • Ginseng – Il ginseng è un energizzante naturale utile per alleviare lo stress da astinenza di nicotina e sostenere il corpo a recuperare un nuovo equilibrio.
  • Lobelia – La pianta contiene delle sostanze che si legano ai recettori della nicotina e contribuisce a combattere i sintomi della dipendenza da fumo, un rimedio che deve essere assunto sotto la supervisione di un medico esperto.
  • Equiseto – Le bassissime percentuali di nicotina dell’Equiseto aiutano chi decide di smettere di fumare.
  • Sativa Avena – L’Avena Sativa contribuisce a trattare lo stress e la stanchezza che colpisce chi cerca di dire addio al fumo e sostengono il corpo nella fase di allontanamento dalla nicotina con un complesso di zinco e magnesio.
  • Liquirizia – Il sapore e la persistenza del gusto in bocca di un bastoncino di liquirizia possono essere utili per superare i momenti di crisi e sostituire la sigaretta in un gesto di emulazione. Non è indicata a chi soffre di problemi di pressione!
  • Zenzero – La radice di zenzero rilascia un sapore forte che aiuta a distrarre la voglia di fumare.
  • Valeriana – Le note calmanti e curative possono fungere da rilassanti muscolari per gestire ansia, agitazione e insonnia dovute all’astinenza da nicotina.
  • Menta – La menta migliora il senso di nausea associato al tentativo di dire addio alla sigaretta, allenta gli stati di ansa e allevia i fastidi di tonsille e alito cattivo.

Conclusioni

Smettere di fumare- foto blackr.it

L’integratore X115® SD – Special Defence  e tutti gli altri integratori per fumatori in commercio non rappresentano una formula magica per smettere di fumare o un incentivo per continuare a fumare senza rischi.

La particolare formulazione dell’integratore X115® fornisce vitamine e principi attivi nutraceutici necessari per contrastare i danni provocati dalle sostanze nocive contenute nelle bionde, un supporto integrativo che può essere sfruttato anche dai non fumatori sotto forma di integratore antiossidante masticabile e integratore contro l’alito cattivo.

Va da sé che l’unico modo per ottenere una protezione efficace dai danni del fumo è quello di evitare di fumare, magari sostenendo la forza di volontà con i vari rimedi naturali per smettere di fumare.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 2 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui