CrossFit, una parola per un allenamento funzionale completo

Il CrossFit o allenamento funzionale, nato negli anni ‘70 per l’addestramento dei Marines Americani, è uno sport che abbina gli esercizi e le discipline sportive per portare benefici a 360° e sbaragliare l’effetto noia di un allenamento monotono.

CrossFit- foto mirrorasd.com

Che cos’è il CrossFit? Si tratta di un sistema di allenamento fondato su movimenti funzionali eseguiti a elevata intensità. Gli esercizi minano i gesti naturali e i movimenti quotidiani per mettere in moto sinergicamente più gruppi muscolari.

La chiave del successo di questo tipo di allenamento è l’intensità di esecuzione. L’allenamento deve essere eseguito molto rapidamente per consentire all’organismo di bruciare i grassi in eccesso e garantire un dimagrimento veloce: più lo sforzo è concentrato in un tempo ridotto di esecuzione e maggiori benefici si otterranno.

CrossFit: i 10 punti di forza

Il CrossFit organizza gli esercizi della sessione in WOD ovvero una specie di circuito che promette di sviluppare al meglio ogni minuto dell’allenamento. Quali sono i suoi punti di forza? Questo allenamento funzionale riassume 10 punti fondamentali del Fitness:

  1. resistenza cardiorespiratoria
  2. resistenza muscolare
  3. forza
  4. flessibilità
  5. potenza
  6. velocità
  7. coordinazione
  8. agilità
  9. equilibrio
  10. precisione

Questo significa che il CrossFit permette di abilitare i sistemi del corpo a elaborare e fornire ossigeno, energia, forza, resistenza, il tutto in un tempo di ripetizione estremamente ridotto.

Le sessioni giornaliere sviluppano una certa capacità di controllare la posizione di gravità del corpo in relazione al supporto e il movimento in una precisa direzione.

Come si compone una sessione di CrossFit?

Il programma di rafforzamento fisico ideato dal militare Greg Glassman ha fatto molta strada dagli anni ’70 ad oggi. Gli allenatori delle circa 4.000 palestre e centri fitness affiliati al marchio diversificano molto gli esercizi delle WOD, pur mantenendo il principio che ha reso l’allenamento CrossFit famoso in tutto il mondo.

Una lezione di esercizi CrossFit viene strutturata mediamente così:

  • Warm up/Mobility – La sessione deve iniziare con il riscaldamento e la mobilità articolare. Gli esercizi a corpo libero devono mettere in moto muscoli e articolazioni per ridurre il rischio di infortuni e facilitare i movimenti (10\15 minuti).
  • Skill/Strenght – In questa fase si sviluppano gli esercizi che andranno a comporre la sessione dell’allenamento e vengono spiegati i movimenti e la loro naturale progressione.
  • WOD – Nel CrossFit è la fase di allenamento vera e propria. Gli atleti vengono chiamati a dare il massimo nella parte metabolica del workout di circa 5-30 minuti (squat a corpo libero, pull-up, push-up, dip, arrampicata con corda, verticale di impostazione, salti con corda, vogatore, corsa, bici, clean, press, snatch, esercizi con palla medica, eccetera).
  • Recovery/Flexibility – L’ultima fase della sessione è dedicata al recupero, allo stretching e al defaticamento. L’obiettivo è quello di allungare la muscolatura e decontrarre le articolazioni dopo l’intenso allenamento.

Curiosità

L’allenamento funzionale è diventato il protagonista di una competizione chiamata CrossFit Games ovvero una gara sportiva in cui gli atleti competono tra loro in allenamenti di cui vengono a conoscenza solo poche ora prima. Il tipo di esercizi si ispira alla sessione di WOD CrossFit: esercizi aerobica, sollevamento pesi, ginnastica, nuoto, lancio a softball, arrampicata e così via. La partecipazione e la sponsorizzazione della competizione sportiva sono cresciute rapidamente dal 2007, tanto che oggi i Games godono della sponsorizzazione di Reebook e Crossfit Inc..

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 5]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato