Home Benessere Crampi alle gambe di notte, cause e cure

Crampi alle gambe di notte, cause e cure

Crampi alle gambe

Un crampo è una contrazione involontaria (detta più specificamente spasmo ), solitamente improvvisa e dolorosa, che interessa per lo più la muscolatura scheletrica del polpaccio ed, in alcuni casi, quella della coscia e del piede. Si presenta soprattutto nelle ore notturne quando gli arti sono freddi e restano fermi per un tempo prolungato influenzando negativamente la circolazione che appare disturbata e irregolare. L’afflusso di sangue diminuisce, infatti, quando si mantiene troppo a lungo una stessa posizione soprattutto se distesa o seduta anche se lo stesso vale per qualsiasi posizione innaturale che ostacola la normale circolazione del sangue.

Persone anziane o molto giovani, specie se affette da aterosclerosi, donne in gravidanza, individui portatori dei cosiddetti “piedi piatti” e sportivi impegnati in competizioni estenuanti e/o ritmi frenetici sono tra i più interessati da questi fastidiosi disturbi che, a seconda dei casi, possono durare dai pochi secondi fino a qualche minuto. Nella maggior parte dei casi, quando si avvertono i crampi, non c’è da preoccuparsi perché non sono che postumi di una giornata stancante o di uno sforzo fisico eccessivo anche se, in qualche caso, possono essere campanelli d’allarme di importanti patologie che, se non curate, potrebbero aggravarsi e dare seri problemi. Ecco perché, quando ricorrono troppo frequentemente o durante sforzi di minima intensità e se si accompagnano da altri sintomi come malessere generale, tachicardia, difficoltà respiratorie, febbre, calore o gonfiore localizzati nella zona interessata dal crampo e a tratti insopportabili, è consigliabile rivolgersi al medico.

I crampi alle gambe sono caratteristici anche di:

  • patologie venose come la Malattia Arteriosa Periferica occlusiva (o Aterosclerosi ) la cui causa scatenante è la formazione di ateromi (placche lipidiche) sulle pareti delle grosse arterie che compromettono il normale flusso ematico e di cui la Claudicatio intermittens (dolore crampiforme localizzato a livello del polpaccio, del fianco o della natica e che impedisce la deambulazione) è la manifestazione più conosciuta;
  • trombosi venosa, conseguenza di una cattiva circolazione che porta alla formazione di coaguli di sangue (o trombi) nelle vene provocando l’ostruzione di queste ultime e accompagnata da sintomi caratteristici quali debolezza, gonfiore, arrossamento e debolezza, tutti localizzati a livello della coscia e delle caviglie. Nella maggior parte dei casi, facendo un po’ d’attenzione ai comportamenti a rischio da evitare , questi coaguli si sciolgono senza dare grossi problemi mentre in altri casi, più rari fortunatamente, continuano a crescere e scoppiano dividendosi in piccoli frammenti che prendono il nome di emboli, i quali vengono trasportati fino al cuore e, da lì, talvolta possono giungere ai polmoni causando la cosiddetta embolia polmonare;

Cause e rimedi per i crampi alle gambe

Anche se una vera e propria causa dei crampi alle gambe non è stata mai identificata, molte sono quelle alle quali si fanno risalire. Tra queste troviamo di sicuro:

    • affaticamento muscolare causato da un esercizio fisico pesante
    • disidratazione
    • sovrappeso
    • uso di farmaci antiipertensivi (che controllano la pressione)
    • uso di diuretici
    • carenza di Potassio, Calcio, Sodio (talvolta dovuta a un eccessiva sudorazione o a diarrea) Acido Pantotenico, Biotina, Tiamina, Magnesio o delle Vitamine C e D
    • ipotiroidismo (tiroide poco funzionante)
    • uso di contraccettivi orali
    • compressione che l’utero gravido esercita sui nervi degli arti inferiori e sulle vene pelviche e addominali favorendo la cosiddetta stasi venosa>
    • disturbi della circolazione

Quando i crampi si presentano, le prime cose da fare per alleviare il dolore e far si che passino il più presto possibile sono: massaggiare la zona interessata con movimenti che vanno dal basso verso l’alto e nel frattempo cercare di muoverla. Un aiuto valido è dato dall’acqua calda o dall’utilizzo di una borsa calda durante il massaggio in quanto il riscaldamento della zona in cui il crampo si è presentato favorisce la circolazione contribuendo al rilassamento del muscolo.

Per prevenire, invece, questi fastidiosi disturbi, basta tener conto di piccoli e semplici accorgimenti e, perché no, della possibilità di utilizzare dei rimedi naturali. Innanzitutto:

  • bere molta acqua (soprattutto prima, dopo e durante l’esercizio fisico);
  • condurre un’alimentazione equilibrata preferendo cibi ricchi di potassio (come banane, kiwi, limoni, melone e anguria), di magnesio (come frutta secca, fagioli e alimenti contenenti lievito di birra) e di calcio (come latte, yogurt, formaggi, carote e noci);
  • integrare la dieta, se necessario e sotto consiglio medico, con dei Sali Minerali;
  • praticare attività fisica e fare stretching almeno un quarto d’ora prima di andare a letto ogni sera;
  • indossare indumenti non eccessivamente aderenti e scarpe comode limitando l’uso di abiti stretti e scarpe con i tacchi per tempi non troppo lunghi;

Per quanto riguarda, invece, i rimedi naturali :

  • un bicchiere d’acqua e Limone aiuta a prevenire/calmare i crampi che sopraggiungono dopo un duro allenamento
  • Tè verde (meglio se arricchito con erbe curative quali chiodi di garofano e/o zenzero)
  • per rilassare la muscolatura e prevenire i crampi, Olio di Cocco da utilizzare per massaggiare le zone più interessate da questi fastidi prima e dopo l’allenamento e, se si vuole, anche prima di dormire;
  • Camomilla
  • un bicchiere d’acqua calda con aggiunta di 2 cucchiaini di Miele e 1 di Aceto aiuta a prevenire i crampi ed è indicato da assumere quando si prevede di restare molto tempo in piedi e/o nella stessa posizione e/o di camminare a lungo
  • Valeriana, dall’effetto rilassante
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 30 Media: 3.2]

1 COMMENTO

  1. io non ho ancora capito perchè ho cominciato ad avere crampi notturni dopo aver avuto la sindrome di guillan barrè

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui