CoreAlign, l’attrezzo che migliora l’equilibrio e la funzionalità degli schemi motori

Hai mai sentito parlare di CoreAlign? Si tratta di un lavoro in piedi svolto su una piattaforma con due piccole pedane mobili separate e una spalliera, un progetto nato per migliorare l’equilibrio e la funzionalità degli schemi motori.

CoreAlign, l’attrezzo che migliora l’equilibrio e la funzionalità degli schemi motori- foto healthandfitness101.com

Il CoreAlign si presenta come uno strumento funzionale che sviluppa un movimento abbastanza naturale fondato su progressioni di esercizi e utile per stimolare il sistema nervoso centrale e creare contemporaneamente una combinazione di flessibilità, stabilità, forza, velocità e controllo.

Una perfetta esecuzione del movimento naturale porta il corpo a metabolizzare quei movimenti, a farli propri e a trasformarli in qualcosa di automatico.

CoreAlign: prototipo e filosofia di base

In principio fu il fisioterapista Jonathan Hoffman a ideare l’attrezzo per aiutare la riabilitazione fisioterapica dei suoi pazienti che avevano subito un’operazione di protesi all’anca.

Il rudimentale CoreAlign di Jonathan Hoffman si componeva di due carrelli per le porte scorrevoli e una spalliera, un modo elementare per spingere i pazienti a esercitarsi in posizione eretta. E i risultati non esitarono ad arrivare!

Oggi questo interessante attrezzo consta di due parti distinte che possono essere usate insieme o separate:

  • struttura orizzontale in legno o metallo con due binari all’interno che si muovono separatamente agganciati a elastici di varia intensità
  • spalliera di legno agganciata al muco con delle corde

Il metodo CoreAlign si consolida su tre livelli e viene utilizzato per favorire le riabilitazioni muscolo-scheletriche, descrivere uno stile di vita sano e migliorare le prestazioni sportive amatoriali e professionali (sci, danza, tennis, arti marziali e simili).

CoreAlign e Pilates

Il CoreAlign viene utilizzato anche da chi pratica pilates perché consente l’approccio con movimenti familiari, ma su un altro piano di movimento.

Il movimento Statue on wheels riesce a coinvolgere la contrazione del core e spingersi lontano dalla spalliera, preservando la colonna perfettamente allineata.

Questo tipo di movimento trasporta la Plank Position del pilates su un altro piano, senza stravolgere l’essenza dell’esercizio: posizione di partenza da quadrupede, distensione delle gambe fino ad arrivare nella posizione per i piegamenti (dalla testa ai talloni il corpo deve formare una linea retta).

Come funziona il CoreAlign

Il CoreAlign aiuta a capire l’allineamento ideale in posizione eretta. Come? I piedi si muovono autonomamente sulle pedane separate, mettendo in evidenza i punti deboli e le compensazioni a livello del cingolo pelvico e cingolo scapolo-omerale.

Inizialmente le lezioni sono lente e molto controllate, un metodo di allenamento perfetto per chiunque che però promette di aumentare l’intensità e aggiungere elementi aerobici per sfidare il corpo a mantenere l’assetto posturalmente corretto.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato