Come scegliere un bilanciere

Se stai allestendo la tua palestra casalinga non puoi proprio rinunciare a un bilanciere, un attrezzo immancabile per l’home fitness. Come scegliere un bilanciere?

Esercizi bilanciere- foto ptonline.it

La scelta di un bilanciere deve prendere in considerazione una serie di elementi fondamentali per costruire un attrezzo che non si piega al peso e permette di svolgere gli esercizi in sicurezza (curl con bilanciere, rematore con bilanciere, squat con bilanciere e così via).

Come scegliere un bilanciere diventa una questione di analisi dettagliata di tutte le caratteristiche dei modelli in commercio: bilancieri per donna, bilancieri powerlifting, bilancieri crossfit e così via.

Come scegliere un bilanciere

Il bilanciere perfetto è un attrezzo con peso, lunghezza, diametro della barra e impugnature che ben si adatta all’età e al tipo di allenamento muscolare. Non ci resta che scoprire come scegliere un bilanciere!

Tipologie Bilancieri

È possibile distinguere tre categorie di bilancieri professionali distinte in base alla qualità dell’acciaio della barra: bilancieri olimpici (acciaio elastico che conserva l’energia della spinta per permettere un sollevamento agevole e zigrinature distanti), bilancieri ibridi (Dual Marked a metà strada tra i due tipi e usati da chi pratica crossfit oppure dai principianti) e bilancieri powerlifting (acciaio duro pensato per sollevare pesi elevati senza piegarsi e zigrinature meno distanti)

Le dimensioni dei bilancieri variano in base a età e sesso dell’atleta: un bilanciere per uomo può avere una lunghezza di circa 220 centimetri, un peso di 20 chili e un diametro pari a 28 millimetri; un bilanciere da donna può avere una lunghezza di 200 centimetri, un peso di 5 chili e un diametro pari a 25 millimetri; un bilanciere per ragazzi può presentare una lunghezza mai superiore a 177 centimetri, un peso di circa 10 chili e un diametro di 25 millimetri.

Cuscinetti

La scelta del bilanciere non può non tenere presente la tipologia dei cuscinetti ossia gli elementi posti tra la sbarra e i manici che permettono ai cilindri di ruotare sul bilanciere.

La maggior parte dei modelli di bilancieri olimpici presenta cuscinetti fatti in bronzo che evitano una frizione elevata (materiale bushing), un gran numero di bilancieri di fascia media possiedono cuscinetti a sfera che aiutano la fase di spinta mentre i bilancieri più costosi preservano i cuscinetti ad aghi che favoriscono una fase di sollevamento più pulita.

Bilancieri e Resistenza alla Trazione

Ogni tipo di bilanciere conserva un valore noto come resistenza alla trazione, misurato in PSI, vale a dire il valore massimo che può essere raggiunto prima che si rompa.

In pratica dalla resistenza alla trazione dipende la sicurezza dell’allenamento: un bilanciere di buona qualità possiede un valore tra 165000 PSI e 190000 PSI.

Anelli e Finitura del Bilanciere

Gli anelli e la finitura del bilanciere rappresentano ulteriori elementi da considerare nella scelta dell’attrezzo:

  • Finitura – Il materiale usato per rivestire la sbarra è importante per preservare le condizioni dell’acciaio ed essere più pratico al tatto: finitura ossido nero (evita l’ossidazione ma si sfalda velocemente), finitura zinco (protezione elevata ma perde luminosità) e finitura inossidabile (soluzione costosa).
  • Anelli – Gli anelli sono i meccanismi che legano le sbarre ai manici e partecipano alla sicurezza del bilanciere: anelli di arresto (maneggevoli e permettono di oliare il cuscinetto) e anelli fondelli (difficili da rimuovere ma efficaci).
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato