Home Benessere Come rimuovere l’occhio di pernice con rimedi della nonna

Come rimuovere l’occhio di pernice con rimedi della nonna

L’occhio di pernice è un problema ai piedi caratterizzato da ispessimento ed eccesso di pelle che può causare qualche problema. Scopriamo come rimuovere l’occhio di pernice!

Tiloma- foto boomer.sk

Il tiloma oppure “occhio di pernice” è una specie di callo che si forma sulla pianta del piede, sulla parte superiore delle dita o tra le dita dei piedi.

Questo problema dei piedi si presenta come un ispessimento molle o duro della pelle dal colore bianco o rossastro e dalla forma circolare.

Non può essere confuso con i calli in quanto è più piccolo e spunta esclusivamente sui piedi.

Cause

Scarpe scomode- foto pixabay.com

Il tiloma è un ispessimento della pelle dei piedi causato da uno sfregamento costante o una forte pressione esercitata su una zona del piede.

Il problema può interessare chi pratica sport a livello agonistico, chi sta in piedi a lungo, chi indossa scarpe nuove, strette o scomode e chi possiede piede con deformità o forme particolari.

Tra le persone che soffrono di occhi di pernice spiccano coloro che hanno piedi con ossa prominenti, dita a martello, alluce valgo e borsite.

Da tutto questo si desume che a determinare l’occhio di pernice al piede è una posizione scorretta del piede all’interno della calzatura. Il piede scivola e/o subisce una forza compressiva che lede la pelle.

Sintomi

Dolore ai piedi- foto pxhere.com

Il dolore rappresenta il sintomo più comune dell’occhio di pernice al piede, specialmente quando la parte callosa continua a essere sottoposta a sfregamento o compressione.

Il tiloma si accompagna anche ad altri sintomi più o meno lievi: gonfiore localizzato, difficoltà a stare in piedi o a camminare e difficoltà a calzare le scarpe.

Inoltre, se si forma tra le dita, l’occhio di pernice può subire l’attacco di funghi o batteri attirati da un ambiente umido e quindi dare vita a un’infezione.

Complicanze

Le infezioni non sono le uniche complicanze che si possono incontrare se non ci sbriga a rimuovere l’occhio di pernice in tempo.

Se il tiloma compare nei diabetici con una cattiva circolazione sanguigna, infatti, l’area potrebbe infettarsi e provocare ulcere profonde.

Il problema è che l’alterazione della percezione del dolore potrebbe non avvisare il diabetico della presenza dell’occhio di pernice e dare seguito a complicanze più problematiche.

Eliminare l’occhio di pernice con rimedi della nonna

Togliere il tiloma- foto bestbed.de

La prima cosa da fare è individuare ed eliminare la causa sottostante alla formazione del tiloma per evitare eventuali recidive.

In questo senso è necessario pulire e asciugare attentamente i piedi, usare saponi ad hoc, occuparsi regolarmente delle parti dure dei piedi e indossare solo scarpe comode.

Il trattamento vero e proprio richiede alcuni rimedi naturali che promettono di far sparire l’ispessimento della pelle nel giro di qualche settimana.

La prima cosa da fare per sbarazzarsi dell’occhio di pernice e sapere come curarlo è acquistare cuscinetti, dischi di silicone e solette protettive, cerotti in gomma, creme idranti e lozioni antinfiammatorie.

Per quanto riguarda il trattamento degli occhi di pernice con rimedi naturali, invece, ricordiamo i pediluvi al sale integrale o bicarbonato di sodio e gli impacchi a base di limone o calendula.

Quando provvedere alla rimozione chirurgica?

L’occhio di pernice non va mai sottovalutato, soprattutto quando i consigli e i rimedi naturali non hanno sortito l’effetto desiderato. Non è paragonabile ai calli ai mignoli dei piedi.

La rimozione chirurgica è l’unica soluzione per l’occhio di pernice e rimuovere la parte spessa con una piccola incisione. Lo specialista interviene in modo semplice, veloce e indolore.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui