Home Benessere Come riconoscere e curare le intolleranze alimentari

Come riconoscere e curare le intolleranze alimentari

1298646346098

Le intolleranze alimentari soprattuto in epoca moderna sono particolarmente diffuse nella popolazione. Basti pensare che in Italia, secondo una ricerca, ogni 10 persone 5 soffrono di un’intolleranza alimentare. Una vera e propria patologia che pochi conoscono e sanno riconoscere ed affrontare.

Le intolleranze alimentari: come riconoscerle e curarle

Prima di tutto vediamo quali sono i segnali per capire se potremmo avere un’intolleranza alimentare. I sintomi principali solitamente sono il mal di testa, le vertigini, le eruzioni cutanee, le dermatiti o le coliti. Tutti questi campanelli d’allarme si colgono subito dopo i pasti e spesso sono accompagnati da un fastidio diffuso allo stomaco.
Ma come capire se si soffre di un’intolleranza alimentare? Per scoprirlo basta cogliere i segnali che ci lancia il nostro corpo e non ignorarli. I più forti sono mal di testa e mal di pancia che spesso si presentano quasi quotidianamente. Per evitare l’insorgere di questo problema la prima cosa da fare è seguire una dieta che sia molto varia. Inoltre occorre sempre verificare quello che mangiamo e verificare quali sono gli alimenti che di solito mangiamo più spesso e che si provocano il malessere.
Se a man a mano eliminate gli alimenti che vi fanno venire i sintomi ogni volta che li mangiate, alla fine capirete cosa vi fa male e potrete in qualche moto evitare la vostra intolleranza.
Fai molta attenzione anche agli incroci che si trovano nei cibi. Ad esempio se in realtà sei intollerante al lievito dovrai evitare tutti i vari prodotti da forno insieme con lo yogurt, la frutta secca, i funghi e i formaggi fermentati. Se invece si intollerante al elimina gli ortaggi che fanno parte della famiglia delle solanacee (come le melanzane, i peperoni e le patate).
Vediamo infine quali sono i test per scoprire se sei intollerante.  Il test più famoso ed attendibile all’85%, è il Cytotest che si fa nei centri medici attrezzati. Si tratta di un prelievo di sangue nel quale sono isolate le cellule, i granulociti neutrofili, che si attivano se solo quando è in corso l’intolleranza.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui