Home Benessere Come gestire il prurito alle orecchie con rimedi naturali

Come gestire il prurito alle orecchie con rimedi naturali

Il prurito alle orecchie è un sintomo fastidioso che nasconde un problema di natura patologica più o meno grave, una condizione che solo lo specialista otorinolaringoiatra può riuscire a interpretare al meglio. Ma esistono dei rimedi naturali contro il prurito alle orecchie?

Come gestire il prurito alle orecchie con rimedi naturali- foto health.knowfacts.org

Il prurito auricolare può essere unilaterale o bilaterale e può coinvolgere diverse zone dell’orecchio (esterno, medio o interno) a seconda del problema che lo determina.

Il soggetto che soffre di prurito all’orecchio percepisce acufeni, fastidio, formicolio e pizzicore a tal punto da cercare sollievo grattandosi o sollecitando l’orecchio con cotton fioc.

Il problema sostanziale è che questi metodi fai da te non sortiscono l’effetto desiderato e rischiano di generare lesioni o peggiorare la situazione.

Prurito alle orecchie: Cause

Prurito alle orecchie: Cause- foto caffeinamagazine.it

Il prurito alle orecchie può essere la manifestazione più evidenti di condizioni patologiche che possono interessare solo l’orecchio interno o esterno oppure malattie sistemiche che coinvolgono altri organi.

Cause patologiche

Otite- foto otorinoettorepasset.it
  • Sindrome dell’orecchio rosso (orecchie rosse e calde)
  • Otite (infiammazione che colpisce l’orecchio medio e l’orecchio interno)
  • Carcinoma squamo-cellulare (tumore del padiglione auricolare)
  • Psoriasi (patologia cutanea di origine autoimmune)
  • Eczema orecchio (dermatite all’orecchio che provoca arrossamento e prurito)
  • Herpes (infezioni da virus Herpes Simplex o Herpes Zoster)
  • Micosi all’orecchio (infezioni causate da funghi o lieviti)
  • Reazioni allergiche (rilascio di istamina)
  • Problemi epatici (incremento di bilirubina a livello del sangue)
  • Raffreddore (muco che si sviluppa crea prurito alle orecchie e gola)

Cause non patologiche

Stress- foto stateofmind.it
  • Presenza di cerume (scorretta pulizia delle orecchie)
  • Irritazione da corpo estraneo (inserimento cotton fioc oppure irritazione da orecchini)
  • Stress (condizione di eccessivo stress)
  • Farmaci (antidepressivi, anestetici locali, estroprogestinici, salicilati antibiotici e farmaci neurochimici)

Prurito alle orecchie con rimedi naturali

Rimedi naturali contro il prurito alle orecchie- foto healthambition.com

Fondamentalmente i rimedi alternativi per trattare il prurito che può colpire le orecchie riescono a gestire il sintomo, ma non la causa scatenante.

I rimedi naturali contro il prurito alle orecchie permettono di coadiuvare il trattamento cortisonico o antifungino da applicare a livello topico prescritto dal medico specialista.

Non resta che scoprire i migliori rimedi naturali contro il prurito alle orecchie:

  • Aloe vera – Non bisogna far altro che iniettare poche gocce di gel di Aloe Vera per godere dell’azione lenitiva e antinfiammatoria degli antrachinoni catartici e ridurre il prurito nelle orecchie.
  • Olio di oliva – In questo caso alcune gocce di olio di oliva portate a temperatura ambiente e applicate mediante un apposito contagocce possono ripristinare il PH naturale dell’orecchio e donare sollievo dal prurito.
  • Bicarbonato di sodio – È sufficiente creare un impasto a base di tre cucchiaini di bicarbonato di sodio e un po’ d’acqua, applicarlo sulla parte interessata e lasciarlo agire per qualche minuto prima di risciacquare delicatamente.
  • Tea tree oil – Non bisogna far altro che scaldare leggermente l’olio e applicarlo con un contagocce per sfiammare e idratare la zona dell’orecchio coinvolto dal prurito.
  • Impacchi a base di basilico, ortica o timo – Basta lasciare in infusione alcune foglie di basilico essiccato, timo oppure ortica in acqua bollente, filtrare il liquido, lasciarlo raffreddare e applicarlo sull’orecchio che prude.
  • Aceto di mele – L’aceto di mele è perfetto per realizzare una soluzione antifungina semplicemente il miscelando alcol e aceto di mele in parti uguali, lasciarla agire per circa dieci minuti sulla zona interessata e drenando il tutto con la testa piegata dalla parte opposta.
  • Ribes nero – Il macerato glicerico, la tintura madre o il gemmo-derivato di ribes nero contengono una miscela di olio essenziale, glicosidi e flavonoidi utile a ridurre la sintomatologia pruriginosa.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 15 Media: 2,7]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui