Come curare le punture delle cimici dei letti con rimedi naturali

Le cimici dei letti sono dei piccoli insetti che popolano le camere da letto e che hanno bisogno di sangue umano per sopravvivere, una presenza che può procurare punture e macchie rosse sulla pelle. Ma come curare le punture delle cimici dei letti con rimedi naturali?

Morsi cimici dei letti- foto nostrofiglio.it

I piccoli parassiti si nutrono generalmente del sangue durante la notte e in particolar modo un ora prima dell’alba.

I morsi delle cimici dei letti assomigliano ad altre punture di insetti e generalmente si presentano in file o grappoli da tre o cinque morsi.

Le punture delle cimici dei letti possono causare prurito, vesciche ed eruzioni cutanee pruriginose oppure possono rimanere assolutamente asintomatiche, ma in entrambi i casi non c’è pericolo di contrarre malattie.

La prima cosa da fare quando si scopre di avere morsi delle cimici dei letti è lavare la zona con un sapone antisettico delicato e acqua per ridurre prurito e prevenire eventuali infezioni della pelle e successivamente procedere con alcuni rimedi naturali contro le punture da cimici dei letti.

Come curare le punture delle cimici dei letti con rimedi naturali

Punture cimici dei letti- foto vice.com

Dopo aver lavato e disinfettato la zona interessata (viso, mani, braccia e collo) è possibile curare le punture delle cimici dei letti con rimedi naturali. Quali?

  1. Impacco di ghiaccio
Impacco ghiaccio- foto fogak.szaj.guru

La temperatura fredda del ghiaccio può aiutare a intorpidire le terminazioni nervose, alleviare la sensazione di prurito e calmare il gonfiore.

È sufficiente avvolgere un paio di cubetti ghiaccio in un telo o asciugamano sottile, disporre l’impacco sulla zona interessata e lasciarlo agire per 10-15 minuti prima di rimuoverlo e ripetere se necessario.

  1. Bicarbonato di sodio
Bicarbonato- foto mfchoreca.it

Il bicarbonato di sodio può essere utile per neutralizzare le sostanze chimiche acide trasferite durante la puntura delle cimici e agire sull’infiammazione allo scopo di ridurre il gonfiore e il rossore.

Non bisogna far altro che mescolare un cucchiaino di bicarbonato e tre cucchiaini di acqua, applicare la miscela sulla zona e lasciare agire per 10 minuti prima di risciacquare. Se il disturbo persiste è possibile procedere nuovamente dopo 30 a 45 minuti!

  1. Succo di limone
Succo di limone- foto bessergesundleben.de

Il succo di limone, essendo un astringente naturale, può essere efficace per asciugare le eruzioni causate da punture delle cimici, prevenire l’infezione cutanea e tenere sotto controllo il prurito a bada.

Basta immergere un batuffolo di cotone in un po’ di succo di limone, tamponarlo sui morsi delle cimici dei letti, lasciare asciugare all’aria e risciacquare.

Ma attenzione a non esporre al sole la zona interessata per alcune ore dopo aver usato questo rimedio naturale per evitare scottature e problemi alla pelle!

  1. Hamamelis
Amamelide- foto jardinjasmin.com

L’Hamamelis è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Hamamelidaceae che comprende sei diverse specie.

Generalmente  i tannini di queste piante vengono utilizzati per preparare creme e lozioni utili a creare un lieve effetto anestetico e calmare il prurito causato da punture di cimici.

È necessario immergere un batuffolo di cotone nell’amamelide, metterlo sulla zona interessata e rimuovere il batuffolo di cotone dopo 10 minuti.

  1. Gel di Aloe Vera
Gel di Aloe Vera- foto mejorconsalud.com

Il gel di Aloe Vera contiene composti attivi e amminoacidi capaci di alleviare il prurito e il bruciore causato dalle punture di insetti e favorire la guarigione della pelle mantenendola idratata.

In questo caso basta prelevare, sciacquare e aprire una foglia di Aloe Vera, prelevare il gel lenitivo e applicarlo sulla parte interessata per più volte al giorno.

  1. Aceto di sidro di mele
Aceto di mele- foto magazinedelledonne.it

L’aceto di mele, grazie al contenuto di acido acetico dalle proprietà anti-infiammatorie, aiuta ad alleviare il prurito e il bruciore causato dai morsi delle cimici.

In realtà è sufficiente applicare l’aceto di sidro di mele crudo e non filtrato sulla zona interessata, lasciare asciugare e risciacquare la pelle. È possibile riapplicare il rimedio naturale anche alcune ore dopo!

  1. Farina d’avena
Farina di avena- foto terraemadre.com

La farina di avena riserva proprietà lenitive e antinfiammatorie che possono essere sfruttate per ridurre l’irritazione e il prurito della pelle e trattare problemi come eczema e psoriasi.

Tutto quello che bisogna fare è mescolare un po’ di acqua con alcuni cucchiaini di farina d’avena, applicare la pasta sulla zona interessata e lasciarla in posa per almeno 15 minuti prima di risciacquarlo e ripetere alcune volte per un paio di giorni.

È possibile gestire il problema delle punture da cimice anche con un bagno di farina d’avena: mescolare mezza tazza di farina d’avena finemente macinata in acqua calda, aggiungere qualche goccia di olio essenziale di menta piperita e restare a mollo per 15 minuti.

  1. Dentifricio
Dentifricio bianco- foto kajgana.com

Il dentifricio bianco al mentolo può contribuire a ridurre il prurito e la sensazione di bruciore provocato dai morsi delle cimici. Come procedere?

Occorre tamponare un po’ di dentifricio bianco sulla parte interessata, lasciare agire per 10 minuti e risciacquare.

  1. Bustine di tè
Bustine di tè- foto stile.it

Le bustine di tè umido possono aiutare a combattere il prurito e il gonfiore causati da cimici e altre punture di insetti. Perché? Contengono tannini con proprietà astringenti e lievi anestetiche.

In questo caso è necessario far raffreddare una bustina di tè umida, lasciarla in frigorifero per almeno 30 minuti, metterla sulla zona interessata per circa 15 minuti e ripetere se necessario.

  1. Cetriolo
Cetriolo- foto abcallenamento.it

La vitamina C e l’acido caffeico del cetriolo sviluppano proprietà antinfiammatorie utili a dare sollievo dal prurito e dal gonfiore causato da punture di cimici.

Basta posizionare un pezzetto di buccia o fetta di cetriolo sull’area interessata e lasciare agire per 10-15 minuti. Ripetere se necessario.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 10 Media: 2.4]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato