Home Benessere Come combattere le vertigini con rimedi naturali

Come combattere le vertigini con rimedi naturali

Le vertigini distorcono la percezione dello spazio circostante e disorientano. Ecco come combattere le vertigini con rimedi naturali!

Vertigini- foto pixabay.com

Iniziamo col dire che le vertigini, rispetto ai “giramenti di testa”, sono fenomeni più importanti che possono provocare stati confusionali, stanchezza e svenimento.

Se i giramenti di testa e le loro cause possono non preoccupare, soffrire di vertigini può essere pericoloso in quanto la perdita della percezione dell’ambiente potrebbe far cadere e provocare danni più o meno lievi.

Abbiamo parlato di una delle forme più comuni, la vertigine posizionale parossistica benigna, una condizione che provoca crisi di vertigini con capogiro e rotazione dell’ambiente circostante.

Le persone colpite da vertigine posizionale parossistica benigna subiscono brevi ma intensi attacchi di vertigini quanto il corpo o la testa si avvicinano a determinate posizioni.

Chi affronta un attacco di vertigine si sente incerto nei movimenti, vive dei giramenti di testa e nausea, vede in maniera offuscata e soffre di acufene o perdita temporanea dell’udito.

Trattare le vertigini con rimedi naturali

Capogiro- foto pixabay.com

Le vertigini possono essere dovute a un distacco di frammenti del rivestimento dei canali del labirinto vestibolare, un un’infiammazione del labirinto, una patologia rara chiamata malattia di Meniere o un’infiammazione del nervo vestibolare.

A queste situazioni che coinvolgono le strutture dell’orecchio si aggiungono il trauma cranico, l’emicrania e gli effetti collaterali di alcuni farmaci.

Consultare il medico è importante per capire la causa scatenante e trovare la terapia giusta per tornare a vivere una vita normale.

Qualsiasi sia il trattamento, però, i rimedi naturali per le vertigini possono contribuire a gestire la situazione durante la fase di guarigione e a evitare di bloccare le vertigini con i farmaci.

Manovra di Epley

Seduta specialista- foto pixabay.com

La manovra di Epley, come già accennato in precedenza, può essere utile nel trattamento della vertigine posizionale parossistica.

Il medico compie dei movimenti in grado di spostare i frammenti che si sono staccati dal rivestimento dei canali del labirinto vestibolare.

Vediamo il caso di cupololitiasi del labirinto destro. Il paziente si sdraia sul lettino tenendo la testa reclinata e il medico ruota la sua testa di 45 gradi verso destra e mantiene la posizione per 30 secondi.

A questo punto, il dottore ruota la testa del paziente di 90 gradi (spostandola quindi a 45 gradi verso sinistra), mantenendola in posizione per 30 secondi.

Successivamente il paziente dovrà poggiarsi sulla spalla sinistra e tenere il volto viso verso il basso per 30 secondi.

Dopo questa serie di operazioni, poi, il paziente deve sedersi sul lettino e prestarsi ad altri due cicli della manovra di Epley.

Massaggio

Massaggio- foto pixabay.com

Un massaggio alla testa può essere utile a limitare i sintomi delle vertigini e a far sparire l’emicrania e la tensione. Meglio ancora se coinvolge sui trigger point della parte anteriore del collo.

Come calmare le vertigini? Tutto quello che bisogna fare è massaggiare giornalmente la testa, il collo e la zona superiore della schiena con movimenti delicati e circolari.

Zenzero

Zenzero- foto pixabay.com

Tra i rimedi naturali per le vertigini spicca la radice di zenzero per via della sua capacità di favorire la circolazione sanguigna e alleviare il senso di nausea.

In questo caso è necessario masticare un po’ di zenzero quotidianamente, preparare una tisana allo zenzero oppure assumere un integratore alimentare (integratori per vertigini).

Ovviamente, considerando le proprietà e gli effetti collaterali dello zenzero, è meglio consultare il medico per evitare di riscontrare problemi con terapie anticoagulanti, antidiabetiche e antipertensive.

Ginkgo Biloba

Ginkgo Biloba- foto pixabay.com

La capacità del Ginkgo Biloba di aumentare il flusso del sangue al cervello riesce a ridurre le sensazioni di vertigini, capogiri compresi.

Tutto quello che bisogna fare è assumere l’estratto di Ginkgo Biloba secondo le indicazioni dei prodotti e aspettare di vedere i miglioramenti dopo qualche settimana.

Semi di coriandolo

Semi di coriandolo- foto pixabay.com

I semi di coriandolo rappresentano uno dei più apprezzati rimedi naturali contro le vertigini che traggono ispirazione dalla filosofia ayurvedica.

Per trattare le vertigini da cervicale con rimedi naturali è sufficiente versare un cucchiaino di semi di coriandolo e preparato di Amla in una tazza d’acqua, lasciare in posa per tutta la notte, filtrare e bere il rimedio naturale il mattino seguente.

Cardamomo

Cardamomo- foto pixabay.com

Il cardamomo si rivela un rimedio molto simile allo zenzero per il trattamento contro le vertigini, ma in più calma le persone durante i giramenti di testa improvvisi.

Non bisogna far altro che scaldare un paio di cucchiai di olio di sesamo, mischiarli a mezzo cucchiaio di cannella e cardamomo, massaggiare la testa con il composto e lasciare in posa per qualche ora.

Basilico

Basilico- foto pixabay.com

Il basilico dimostra la possibilità di dire addio ai dolori cervicali e le vertigini con rimedi naturali e aromaterapici. Deve tutto al suo profumo dolce e speziato.

In questo senso occorre bollire un paio di foglie di basilico in una tazza di latte, cercare di inspirare l’odore e bere la miscela prima di andare a dormire.

Valeriana

Valeriana- foto pixabay.com

La valeriana si presenta come un rimedio perfetto in caso di vertigini provocati da stress, ansia e insonnia prolungata.

In questo caso è necessario versare un cucchiaio di valeriana essiccata in una tazza di acqua calda, lasciare in infusione per 10 minuti, filtrare e bere la miscela fino a 3 volte al giorno per un paio di settimane.

Melissa

Melissa- foto pixabay.com

La melissa è la pianta officinale ideale per gestire gli episodi di vertigini causati principalmente da ansia, insonnia, nervosismo ed emicrania. Perché? Influenza positivamente il sistema nervoso e la circolazione.

È sufficiente versare un cucchiaio di melissa essiccata in una tazza di acqua, lasciare per 10 minuti, filtrare e bere la bevanda 2-3 volte al giorno per qualche settimana.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui