Cambiamenti stagionali e disturbi dell’umore

Cambiamenti stagionali

Sembra che la Depressione Stagionale sia più probabile nelle persone afflitte da disturbo bipolare e nelle giovani donne piuttosto che negli uomini (probabilmente per differenti strutture e funzionamenti psico-biologici). Il disturbo affettivo stagionale (SAD) è collegato alla ridotta esposizione alla luce durante i mesi invernali. Ne è riprova il fatto che la Sindrome Affettiva Stagionale è maggiormente diffusa e probabile nei paesi dove la quantità annua di luce solare è minore e dove fa più freddo (ad esempio Canada, Islanda, Stati Uniti del Nord, Paesi Scandinavi, etc.).

Ci sono diverse teorie per quanto riguarda il meccanismo di base della SAD che includono:

  • Variazioni del ritmo circadiano – possibilmente correlati all’ipotalamo.
  • Una relazione con l’ormone della melatonina che viene secreto dalla ghiandola pineale e che a sua volta ha un collegamento diretto alla retina. La produzione di melatonina aumenta al buio e quindi vi è un aumento dello stesso nei giorni più bui e più brevi dell’inverno.
  • Mancanza di serotonina nel cervello.

I disturbi dell’umore di origine stagionale iniziano a presentarsi  intorno a settembre e proseguono fino ad aprile. I mesi peggiori sono gennaio e febbraio. I sintomi possono essere la stessa depressione, ma in più coesistono alcune caratteristiche atipiche come, ad esempio, l’aumento di peso e la voglia di dormire più ore.

I pazienti possono sviluppare i seguenti sintomi

  • Umore basso per la maggior parte della giornata
  • Problemi di sonno, tra cui dormire troppo
  • Aumento di peso
  • Letargo
  • Difficoltà di concentrazione
  • Mancanza di motivazione
  • Perdita di piacere nella vita
  • Problemi familiari
  • La perdita di libido
  • Disperazione
  • Ansia
  • Pianto
  • Irritabilità
  • I sintomi fisici, mal di testa, per esempio, palpitazioni e dolori generalizzati
  • Problemi ad alzarsi dal letto la mattina
  • Eccessiva sonnolenza
  • L’intenzione di autolesionismo o l’ideazione suicidaria

La diagnosi

Il disturbo dell’umore stagionale è classificato come una forma di disturbo depressivo nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-IV). La diagnosi di SAD è basata su

Cicli di depressione su una base regolare durante l’autunno / inverno:

  1. La remissione completa dei sintomi in primavera / estate.
  2. Sintomi stagionali per almeno 2 anni consecutivi.
  3. Caratteristiche atipiche, che possono o non possono essere presenti.

 I disturbi associati 

  • Disturbi alimentari, ad esempio, bulimia
  • Attacchi di panico
  • Disturbo d’ansia
  • Deficit di attenzione e iperattività
  • Dare tante informazioni sul disturbo e rivolgersi a gruppi di auto aiuto.
  • Passare più tempo fuori casa, lavorare in condizioni di luminosità, fare esercizio fisico all’aperto regolarmente, mangiare in modo sano e, se possibile, trascorrere le vacanze in zone soleggiate.
  • Il rilassamento e il massaggio possono aiutare.

Trattamento: Cosa si può fare

Per curare un disturbo stagionale dell’umore, in genere, il medico curante prescrive degli antidepressivi – inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI). Tuttavia, essi non sono privi di rischi e quindi c’è la necessità di valutare i benefici contro gli effetti collaterali.

 Il sostegno Psicologico

  • La famiglia e il sostegno di un amico possono fare tanto
  • Psicoterapia
  • La terapia cognitivo-comportamentale
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]