Home Salute Brucellosi: cause, sintomi, diagnosi e terapia

Brucellosi: cause, sintomi, diagnosi e terapia

La brucellosi è un’infezione infettiva provocata dai batteri del genere Brucella diffusa a tal punto da prendere il nome delle zone del mondo in cui si propaga.

Brucella- foto cliccascienze.it

Non è raro che la brucellosi venga indicata con nomi diversi come febbre maltese, febbre mediterranea, febbre di Gibilterra, febbre di Cipro, febbre ondulante o tifo intermittente.

L’infezione provocata dai batteri cocco bacilli Gram negativi scoperti dal medico David Bruce è diffusa nell’area del Mediterraneo, in America Latina, nel subcontinente indiano e vicino al Golfo Persico.

Brucellosi: Cause

Latticini crudi- foto medistok.ru

Normalmente la brucellosi colpisce soltanto gli animali, ma non è detto che non possa coinvolgere gli essere umani.

Il batteri del genere della Brucella si diffondono dagli animali all’essere umano attraverso tre modi principali:

  • Contatto diretto – I batteri di animali contagiati (capre, pecore, maiali, bovini, cinghiali o cani) possono trasmettersi tramite un taglio o una ferita.
  • Inalazione – Il batterio può dispendersi nell’aria e gli addetti ai lavori (agricoltori, tecnici di laboratorio e operai dei macelli) possono inalarlo durante la respirazione.
  • Latticini crudi – Il batterio Brucella persiste nel latte degli animali infetti e permane nei suoi derivati (ricotta, mozzarella, panna e formaggi freschi), oltre che nella carne cruda o poco cotta.

Per quanto la brucellosi coinvolga principalmente gli addetti ai lavori a diretto contatto con animali, le statistiche dei casi rilevati in Italia hanno riscontrato una percentuale pari a due persone ogni 100mila abitanti.

Fondamentalmente le persone che vivono o transitano in prossimità delle zone a rischio e chi è abituato a consumare latte e formaggio non pastorizzato potrebbe essere più propenso a contrarre la febbre di Malta.

Normalmente il contagio non avviene da persona a persona, ma esistono dei casi in cui le donne incinte hanno trasmesso il batterio Brucella durante il parto o tramite il latte materno in fase di allattamento.

Brucellosi: Sintomi

Febbre ondulante- foto semplicementesalute.federchimica.it

I primi sintomi della brucellosi si manifestano dopo pochi giorni dal contagio, ma anche dopo alcuni mesi dal momento del contagio stesso:

  • Febbre che va e viene (febbre ondulante)
  • Brividi
  • Mal di testa
  • Gonfiore
  • Ispessimento dei linfonodi
  • Dolori muscolari e articolari
  • Sudorazione maleodorante

Il quadro sintomatologico può essere accompagnato da inappetenza, malessere generale e debolezza nei casi meno eclatanti.

Non è raro che i sintomi della brucellosi scompaiano per qualche settimana o mese e successivamente ritornino a minare il benessere generale.

Complicazioni

Febbre di Malta- foto nest-tv.ro

La brucellosi può interessare qualsiasi parte del corpo (fegato, cuore, sistema riproduttivo, sistema nervoso centrale e così via).

È possibile che la febbre di Malta diventi una condizione cronica con sintomi che persistono per anni e complicazioni notevoli, anche dopo il trattamento farmacologico:

  • Cuore – Quando l’infezione interessa il rivestimento interno del muscolo cardiaco può danneggiare le valvole cardiache.
  • Sistema riproduttivo – L’infezione può colpire la formazione anatomica situata sul margine posteriore e superiore del testicoli (epididimo).
  • Sistema nervoso centrale – Le infezioni che intaccano il sistema nervoso centrale possono includere la meningite (infiammazione membrane del cervello e del midollo spinale) e l’encefalite (infiammazione del cervello).

Brucellosi: Diagnosi

Analisi sintomi- foto knack.be

La brucellosi non è affatto semplice da diagnosticare, specialmente perché la maggior parte dei sintomi collima con i sintomi dell’influenza.

Il medico può diagnosticare la febbre maltese in modo preciso prelevando un campione di sangue e ricercando la presenza degli anticorpi sviluppati dall’organismo contro i batteri della famiglia Brucella oppure procedendo con test diagnostici:

  • Raggi-X (cambiamenti a ossa e articolazioni)
  • Tomografia computerizzata (TAC) o risonanza magnetica (MRI)
  • Cultura liquido cerebrospinale (infezioni come la meningite e l’encefalite)
  • L’ecocardiografia (infezione o danni al cuore)

Brucellosi: terapia e trattamento

Mal di testa- foto porelpais.com.ar

La cura della brucellosi prevede un trattamento di tipo farmacologico con l’uso di antibiotici e un’integrazione con farmaci specifici prescritti in base agli organi coinvolti, all’età del paziente e alla gravità dell’infezione.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 2]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui