Home Alimentazione Bambini: i cibi troppo zuccherini non gli fanno amare le verdure da...

Bambini: i cibi troppo zuccherini non gli fanno amare le verdure da grandi

Spesso i prodotti alimentari per bambini sono proposti in una versione troppo dolce, anche se al loro interno è presente un alto contenuto di verdura. Ad affermarlo è uno studio condotto dall’Università di Glasgow e pubblicato sull’autorevole rivista Maternal and Child Nutrition.

Gli studiosi si sono occupati di analizzare la presenza di frutta e di verdura fra gli ingredienti di oltre trecento prodotti dedicati ai bambini, concludendo che la maggior parte delle preparazioni annovera un contenuto di verdure e di frutta particolarmente dolce, per rendere il preparato più appetibile ai piccoli consumatori. Carote e verdura a foglia verde, mele, banane, pomodori, manghi e patate dolci risultano quindi essere gli ingredienti più impiegati dalle industrie alimentari, in quanto questi frutti e queste verdure assicurano una caratteristica che sa fare breccia sui piccoli, ovvero apportano un sapore dolce e gradevole alla pappa.

Secondo i ricercatori dell’Università di Glasgow i bambini hanno una innata preferenza per i sapori più dolci, quindi i produttori guardano molto spesso più all’appetibilità dei prodotti piuttosto che al livello di salubrità, con il rischio di rafforzare le preferenze esistenti e di non far scoprire ai piccolini dei gusti nuovi che potrebbero però essere di loro gradimento.

I ricercatori hanno inoltre fatto notare che questi cibi, solitamente complementari, diventano la base che dà vita al primo cibo solido consumato dai bambini nelle primissime fasi dell’alimentazione. Questa caratteristica porta ad un’associazione di sapori che poi va a ripercuotersi nell’età adulta. È quindi buona norma ricercare degli alimenti che sappiano associare ai gusti più zuccherini anche l’introduzione di verdure diverse, magari meno appetibili ma più benefiche, in quanto se abituati fin dall’inizio i bambini accettano di buon grado i sapori e possono quindi proseguire la crescita contando su un’alimentazione sana, ma soprattutto varia nella sua composizione.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui