Attrezzi yogici: avete sentito parlare della cinta yoga?

Lo yoga è una pratica millenaria che allena postura, respiro e spirito per influenzare positivamente il corpo. Il viaggio tra le varie pratiche yoga mette in luce la possibilità di utilizzare una serie di attrezzi yogici come la cinta yoga. Di cosa si tratta?

Cintura yoga- foto compado.it

Siamo abituati a pensare agli esercizi yoga come una serie di movimenti a corpo libero da mettere in pratica sdraiati o seduti su un tappetino.

Eppure esistono vari attrezzi yogici come la cintura yoga che permettono di eseguire gli esercizi in maniera più audace e migliorare gli effetti della disciplina millenaria.

Cintura yoga: a cosa serve

La cinta yoga è un accessorio di supporto alla pratica yoga che permette di realizzare gli esercizi in modo più pratico e distendere i muscoli per conquistare una maggiore flessibilità muscolare e articolare.

Sostanzialmente si tratta di un oggetto con lunghezza e maneggevolezza del materiale appositamente studiati per supportare e accompagnare i movimenti yogici.

Va da sé che una cinta yoga fatta di lana grossa intrecciata sarà decisamente meno maneggevole di una cinta fatta di cotone o lino.

È importante non pensare alla cinghia yoga come a uno strumento che intensifica una posizione innaturale o precorre i tempi del corpo dal momento che è un supporto che può essere o non essere utilizzato.

Non resta che scoprire come usare la cinghia yoga in alcuni esercizi base!

Piegamenti in avanti con la cinta yoga nelle posizioni sedute

La cintura da yoga può essere usata per eseguire i piegamenti in avanti, ma in posizione da seduti. Perché fare questi esercizi yoga con la cinghia?

Se la schiena non è sufficientemente sciolta da permette di toccare i piedi con le mani è possibile passare la cinghia yoga intorno ai piedi e prenderla con le mani per riuscire a mantenere la posizione in modo più agevole e allungare muscoli e articolazioni.

In questo modo la cintura yoga può essere utilizzata per le posizioni asana Paschimottasana (piegamento in avanti da seduti), Maha mudra (Grande sigillo della realtà) e Ardha stambhasana (posizione del mezzo pilastro).

Piegamenti all’indietro con la cinta

Un altro modo per utilizzare la cinta riguarda i piegamenti all’indietro in piedi o a terra, un movimento che vede coinvolti in particolar modo gli arti inferiori.

La cinta yoga può essere usata nelle posizioni Eka Pada Rajakapotasana, Dharunasana o Natarajasana per aiutare a mantenere la posizione nel caso che le mani non arrivassero e toccare i piedi.

Altri esercizi yoga con la cinta yoga

La cinta può essere usata per vari altri tipi di esercizi che non possono essere inclusi in una determinata categoria: Navasana per mantenere l’equilibrio con le gambe sollevate, Gomukhasana per spingere le mani a toccare la schiena e mantenere la giusta postura e molto altro.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato