Collegati con noi

Tè aromatizzati: quando parlare di tè aromatizzato?

Tè aromatizzati: quando parlare di tè aromatizzato?

Il tè aromatizzato è un tè nato per coprire il gusto di infusi dal sapore cattivo che in poco tempo ha conosciuto un grande successo. Ma quando parlare di tè aromatizzati?

Tè aromatizzati- foto losaiche.credit-agricole.it

Fondamentalmente è sufficiente aggiungere petali di fiori, frutta secca, bucce di agrumi, spezie oppure oli essenziali a una base di tè a piacere per ottenere un tè aromatizzato con profumo e sapore originali.

Il tè nero o il tè verde si trasformano così nella base perfetta per mescolare petali colorati e aromi molto differenti tra loro per allietare gli occhi e il palato contemporaneamente.

Tè aromatizzati

Tè nero al bergamotto- foto tea-lounge.it

I the aromatizzati possono essere acquistati sotto forma di formulazioni già pronte in bustina oppure di miscele in foglia destinate all’infusione.

Il tè nero al bergamotto o Earl Grey tea è uno dei tè aromatizzati più noti non solo perché prende il nome dal Primo ministro inglese che rese popolare il diritto di voto ma soprattutto perché viene preparato con una base di tè nero Ceylon con olio essenziale di bergamotto versato su foglie e bustina.

Un altro tè aromatizzato molto conosciuto è il chai o masala chai, un tè aromatizzato con cardamomo, zenzero, pepe, chiodi di garofano o noce moscata, latte e zucchero oppure un infuso arricchito con scorze d’arancia o limone oppure rum.

Il tè aromatizzato può essere arricchito anche con frutta secca oppure frutta essiccata (fragole, mirtilli, mele, uvetta, ribes e altro), senza dimenticare un tocco di cannella o vaniglia (tè alla vaniglia).

La combinazione classica di tè verde all’aroma del fiore di gelsomino o ai petali di magnolia deve essere gustata senza dolcificanti aggiunti per evitare di rovinare la delicatezza delle miscele.

Tè aromatizzati: bustine o in foglie?

Tè aromatizzato- foto sticktea.com

Il tè aromatizzato in bustine rappresenta la scelta più veloce e conveniente, ma in termini di qualità bisogna tener a mente che le miscele contengono le rimanenze della lavorazione del tè (polveri e le parti più fini delle foglie).

Il materiale plastico (PET, PLA o nylon) o le piramidi di bustine di carta con resine speciali possono rilasciare sostanze potenzialmente dannose e alterare il sapore e le proprietà del .

Il tè aromatizzato sfuso, invece, permette di non danneggiare l’ambiente e conferire un sapore deciso, un profumo inconfondibile alla bevanda benefica.

Solo così un tè aromatizzato ai frutti rossi può sostenere chi vuole rafforzare il sistema linfatico e limitare la comparsa dei capillari, un tè aromatizzato alla cannella può aiutare a lenire i dolori mestruali oppure un tè aromatizzato alla menta può favorire il processo digestivo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.

Lascia un comento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti questi consigli