Home Salute Antibiotici in gravidanza: Perchè evitare di abusarne

Antibiotici in gravidanza: Perchè evitare di abusarne

Antibiotici in gravidanza

Alcuni ricercatori che hanno studiato l’effetto degli antibiotici in gravidanza, hanno trovato un legame sorprendente tra i farmaci comunemente usati per trattare le infezioni delle vie urinarie e i difetti di nascita.  C’è da dire che le infezioni batteriche stesse possono causare problemi per il feto se non curate, per cui le donne incinta non dovrebbero evitare gli antibiotici del tutto. Piuttosto, dovrebbero discutere le scelte degli  antibiotici con i loro medici. I difetti a cui possono condurre, ad esempio i sulfamidici, sono problemi cerebrali, cardiaci e arti ridotti o deformati. Ecco, invece, alcuni esempi di antibiotici generalmente considerati sicuri durante la gravidanza:

  • Amoxicillina
  • Ampicillina
  • Clindamicina
  • Eritromicina
  • Penicillina

Gli antibiotici e alcuni farmaci, in genere, vengono divisi in 4 grandi categorie in base al rischio a cui espongono un feto durante la gravidanza:

  • Nessun rischio. (Attualmente gli antibiotici non si trovano in questa categoria)
  • Relativamente sicuro per il feto.
  • Rischi sconosciuti. Potrebbero essere potenzialmente dannosi per il feto.
  • Rischi di spicco, utilizzati solo in circostanze estreme dove non ci sono altre alternative

C’è anche una categoria “X”, che comprende farmaci che non dovrebbero mai essere usati per le donne incinte, in quanto i rischi superano qualsiasi potenziale beneficio del farmaco. Quasi tutti gli antibiotici che vengono somministrati a donne in gravidanza rientrano nella categoria B. Un antibiotico della categoria C può essere utilizzato se si ritiene che i benefici superano i potenziali danni che potrebbero causare. E ‘solo quando ci sono gravi problemi di salute per la madre, come la morte, e non esistono alternative che un farmaco categoria D viene utilizzato.

Oltre al tipo di antibiotico che viene utilizzato, è importante considerare anche il periodo della gravidanza in cui viene somministrato il farmaco, per vedere l’effetto che esso potrebbe avere sul bambino. Ci sono cinque periodi di tempo importanti in cui gli antibiotici potrebbero influenzare il bambino:

  1. Gli antibiotici possono influire sulla formazione dei gameti in entrambi i sessi e portare all’aumento di anomalie che influenzeranno in maniera negativa lo sviluppo del bambino.
  2. Prima settimana dopo il concepimento. Durante questo periodo di tempo di solito o l’antibiotico non ha alcun effetto o uccide l’embrione del tutto.
  3. 14-60 giorni dopo l’implementazione. Questo è il momento in cui le anomalie si verificano  maggiormente a causa degli antibiotici. Gli antibiotici possono influenzare lo sviluppo di diversi sistemi e di organi diversi. Si raccomanda di evitare tutti i trattamenti antibiotici ove possibile durante il primo trimestre.
  4. Secondo e terzo trimestre. Vi è un rischio minore per la malformazione degli organi del bambino, perché sono già sviluppati e gli antibiotici possono influenzare, piuttosto, i processi metabolici.
  5. Allattamento. Attraverso il latte materno gli antibiotici possono giungere al bambino e causare problemi di sviluppo nei primi anni di vita. Questo evento è raro, ma è stato notato.

Quindi, quando si è in gravidanza, è sempre importante valutare i rischi degli effetti teratogeni di un farmaco.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui