Home Benessere Anguilla: proprietà, benefici e controindicazioni

Anguilla: proprietà, benefici e controindicazioni

Tra i cibi che possono regalare benessere ed equilibrio psicofisico spicca l’anguilla, un pesce dalla forma allungata ricco di proprietà. Scopriamola insieme!

Anguilla- foto pixabay.com

Abbiamo avuto modo di conoscere questo pesce grasso appartenente alla famiglia delle Anguillidae quando abbiamo parlato di vitamina D3 e cattiva digestione.

Questo pesce presenta uno scheletro osseo e un corpo allungato simile a quello di un serpente con sezione rotonda, pelle scivolosa e squame piccolissime

Pur nascendo nel mar dei Sargassi, riesce a vivere in acqua dolce e in acqua salata, dall’Oceano Atlantico al mar Mediterraneo fino a tutti i loro fiumi affluenti.

L’anguilla in riproduzione migra verso fiumi vicini in autunno e muore dopo aver deposto le uova. Dopo la nascita, ogni piccola anguilla di fiume compie il percorso a ritroso per tornare nell’habitat originario.

Le carni pregiate e grasse e il sapore distintivo hanno reso l’anguilla la protagonista di ricette prevalentemente natalizie. In Sardegna, invece, si consuma tutto l’anno.

Anguilla o capitone?

Anguilla di mare- foto pixabay.com

I termini “anguilla” e “capitone” creano un bel po’ di confusione, lasciando pensare che si tratti di pesci simili ma specie diverse.

La differenza sta nel sesso: “anguilla” indica gli esemplari maschi (circa 60 cm di lunghezza e 200 g di peso) mentre “capitone” si riferisce agli esemplari femmina (1,5 metri di lunghezza e 6 Kg di peso).

In questo senso non si può fare a meno di parlare dell’anguilla elettrica, un pesce in grado di generare una carica elettrica che stordisce le prede e allontana i predatori.

A dispetto della forma a mo’ di serpente, però, le anguille elettriche prendono le distanze dalle anguille e si avvicinano alle carpe e ai pesci gatto.

Anguilla: Proprietà

Flusso sanguigno- foto pixabay.com

Le proprietà nutritive delle anguille di fiume e mare sono moltissime, ma si scontrano con una resa calorica piuttosto elevata visto che 100 g di prodotto corrispondono più o meno a 184 Kcal.

  • Rigenerazione cellulare – Le proteine presenti stimolano la rigenerazione delle cellule epiteliali, digerenti ed ematiche.
  • Difese immunitarie – La percentuale di vitamina A presente sarebbe in grado di stimolare le difese immunitarie, oltre che salvaguardare la funzionalità della vista.
  • Funzione cognitiva – Il mix di zinco e vitamina B6 stimola i neurotrasmettitori del cervello e assicura una corretta funzione cognitiva mentre la vitamina B1 previene la demenza e l’Alzheimer.
  • Emoglobina – La presenza di ferro non fa altro che stimolare la produzione di emoglobina e quindi l’ossigenazione corretta del corpo.
  • Vasi sanguigni – Il potassio sviluppa un’azione vasodilatatrice che migliora il flusso di sangue nei vasi mentre gli acidi grassi Omega 3 fermano le placche aterosclerotiche in stato avanzato.
  • Apparato scheletrico – Il fosforo e la vitamina D favoriscono la salute delle ossa e prevengono la comparsa di osteoporosi.
  • Gravidanza – La ricchezza di acidi grassi essenziali Omega 3 assicura un corretto sviluppo del feto durante la gestazione.
  • Dolori Mestruali – Secondo alcuni studi, gli acidi grassi Omega 3 sarebbe in grado di influire positivamente sui dolori mestruali.

Controindicazioni

Anguilla fritta- foto pixabay.com

Il consumo di anguilla di mare o fiume non presenta controindicazioni o effetti collaterali particolari, fatta eccezione per il mantenimento del peso forma.

In effetti l’anguilla presenta carni molto grasse con un elevato apporto calorico e per questo il suo consumo deve essere moderato per chi intende dimagrire.

In più contenuto discreto di colesterolo impone un consumo moderato di anguilla anche per le persone che devono stare attenti a non aumentare il livello di colesterolo nel sangue.

In ultimo non si deve mai entrare in contatto diretto con il sangue di capitoni e anguille in quanto si rivela tossico per l’organismo a causa di una tossina termolabile che distrugge i globuli rossi.

Reperibilità dell’anguilla

La pesca intensiva potrebbe portare all’estinzione delle anguille e per questo compaiono tra le specie “in pericolo critico” della lista dell’organizzazione Unione internazionale per la conservazione della natura o IUCN.

Oggi anguille e capitoni di mare e fiume arrivano sulle tavole come prodotti di allevamento, tra i quali risaltano quelli di Orbetello e Comacchio (che elogia questo pesce con la Sagra dell’Anguilla).

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui