Collegati con noi

Addominali: verità e falsi miti

Addominali: verità e falsi miti

Pancia piatta e addominali scolpiti sono il sogno di chiunque, soprattutto quando la meravigliosa fascia muscolare viene nascosta dal grasso adiposo. Cosa fare? Una dieta equilibrata e un programma di allenamento sembra essere la formula ideale per avere una fascia addominale perfetti.

Addominali scolpiti- foto eserciziperdimagrire.org

Dare vita a un programma di allenamento mirato e funzionale è importante per ottenere gli addominali scolpiti desiderati. Per far questo è necessario conoscere la loro anatomia e fisiologia:

  • Retto addominale – Parte dallo sterno e si inserisce nella parte anteriore del bacino (sinfisi del pube) e conserva la funzione di flettere la spina dorsale.
  • Muscoli obliqui interni ed esterni – Partono sulle costole inferiori e si inseriscono nella parte alta del bacino e permettono di flettere lateralmente la spina dorsale

L’aspetto anatomico sottolinea la scorretta informazione che generalmente viene fatta in palestra: né il retto dell’addome né i muscoli interni ed esterni attraverso il bacino. Da dove nasce la confusione? Alcuni studi hanno dimostrato che il crunch ovvero l’esercizio di sollevamento delle spalle sviluppava una maggiore contrazione della parte alta dell’addome e il crunch inverso o meglio il sollevamento del bacino aveva una maggiore contrazione della parte bassa.

Quello che lo studio chiama “maggiore” contrazione si rivela una contrazione di tutto il retto dell’addome con maggiore enfasi nella parte alta o bassa.

Sempre in ambito anatomico-fisiologico è essenziale sapere che esistono differenze tra muscolatura tonica e fasica: i primi sono muscoli adatti alla resistenza (es. soleo e i muscoli posturali) e i secondi sono costituiti da fibre a contrazione veloce (es. addominali).

Ebbene, gli addominali sono costituiti prevalentemente dalle fibre a contrazione veloce. Questo significa che allenarsi con ripetizioni superiori alle 15 risulta inefficace al raggiungimento dell’obiettivo.

In linea generale, un intelligente programma di allenamento con due o tre sessioni settimanali e una corretta alimentazione possono dare il massimo dei risultati.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.

Lascia un comento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti questi consigli