Ritardo mestruale : Mestruazioni in ritardo, sintomi e cause

di Lucia D'Addezio4 febbraio 2012
Ritardo mestruale : Quando ci sono mestruazioni in ritardo

Avere delle mestruazioni regolari e puntuali è una fortuna che appartiene a poche fanciulle ma che segnala la presenza di un ottimo equilibrio fisico e mentale. Quando compaiono ritardi nel ciclo o, addirittura, quando le mestruazioni sono del tutto assenti è bene valutare cosa sia cambiato nella propria vita e cosa abbia potuto alterare la naturale stabilità dell’organismo femminile e cosa, quindi, abbia potuto causare il ritardo mestruale.

Iniziamo con il chiarire che la durata del ciclo non è uguale in tutte le donne e può variare presentandosi ogni 25-36 giorni. In media il ciclo della donna dura 28 giorni, con presenza di mestruazioni per 3-7 giorni consecutivi.

Se il ritardo mestruale è un episodio isolato generalmente non bisogna preoccuparsi, salvo il caso in cui si sospetta una gravidanza. Se il ritardo si manifesta ripetutamente, le cause possono essere diverse:

  • Stress;

  • Traumi fisici;

  • Traumi psichici;

  • Debilitazione;

  • Spostamenti (viaggi, lunghi percorsi in auto, traslochi, etc.)

  • Periodi di freddo o caldo intensi ed improvvisi;

  • Sospensione della pillola;

  • Modificazioni consistenti nel peso.

Si parla, poi, di amenorrea quando le mestruazioni sono assenti per più di 3 mesi di fila. Anche in questo caso non bisogna allarmarsi precocemente. Alcune cause dell’amenorrea possono essere:

  • Stress (sia fisico che psicologico);

  • Attività fisica eccessiva o scarsa;

  • Problemi ormonali;

  • Disturbi dell’alimentazione;

  • Tumori.

In entrambi i casi, rivolgersi al proprio medico o ginecologo di fiducia è la soluzione migliore per capire le ragioni di tali problemi e per fugare ogni paura o dubbio. In questo modo sarà più facile ed immediato trovare insieme il rimedio più adatto al vostro caso.

Come capire se il ritardo mestruale è dovuto ad una gravidanza?

Se il ritardo mestruale non è dovuto a problemi fisiologici o psicologici, una delle cause (forse quella che genera più ansie nelle donne) può essere una gravidanza in atto. Ma come capire se si è rimaste incinte o meno? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

I sintomi di una gravidanza in atto sono numerosi ma va sottolineato che possono variare da caso a caso: non tutte le donne sono uguali.

Il primo segnale tangibile sono le mestruazioni in ritardo. Questo però non è sufficiente per capire se si è in attesa di un bimbo.

Altri segnali dell’inizio di una gestazione sono:

  1. Lo spotting da annidamento, cioè la comparsa di macchioline di sangue dovute all’accoglimento dell’embrione nella parete uterina. Lo spotting si maniefsta in genere 6-12 giorni dopo il concepimento.

  2. Un generale senso di stanchezza ed affaticamento, che può protrarsi per molti giorni e che non ha cause apparenti.

  3. Le famose nausee mattutine, che fanno la loro comparsa, in genere, nelle 2-8 settimane successive al concepimento.

  4. Dolore e sensazione di gonfiore al seno possono interessare le donne in gravidanza sin dalle primissime settimane successive al concepimento (è però facile confondere questo sintomo con le mestruazioni in arrivo).

  5. Lo stimolo di urinare molto più frequente del solito può preannunciare l’arrivo di un frugoletto. Questo sintomo può comparire tra le 6-8 settimane successive al rapporto sessuale.

  6. Altri segnali chiari di una gravidanza in atto sono poi il cambiamento di colore delle areole (le aree attorno al capezzolo, che diventano più scure), la presenza di continui mal di testa o di mal di schiena, la comparsa di voglie inspiegabili per determinati tipi di cibo.

Se al ritardo nelle mestruazioni corrispondono anche i sintomi sopraelencati è consigliabile sottoporsi ad un test di gravidanza.

Seguici
Lascia un commento:
  • Laura

    Se invece non si hanno questi disturbi?

  • Laura

    Cioè io ho avuto un rapporto sessuale con il mio ragazzo il 10 agosto,una settimana dopo che mi era finito il ciclo,cioè penso 4 agosto.. Aspettavo le mestruazioni il 27 o 28 agosto non ricordo ma sono ritardate.. ora facendo il conto sono alla seconda settimana di ritardo. L’abbiamo fatto col preservativo,lui è sicuro di aver controllato. Ma la mia paura c’è sempre. I miei sintomi sono ogni tanto mal di pancia,ma penso sia normale per l’attesa del ciclo,ogni tanto affaticamento ma ci soffro spesso a causa della pressione bassa che io ci soffro,e anche il mal di schiena. Ma nausea nessuna,gonfiore del seno nemmeno.. Non so potrebbe aiutarmi gentilmente? :(

Vuoi mantenerti in forma?

Scarica l'app Salute & Benessere
Scarica subito l'APP per Android

Inserisci i tuoi dati per ricevere l'e-book di Cucinare Facile omaggio!

Inserisci i tuoi dati per ricevere l'e-book di Dieta Gratis omaggio!